Home > La puèšia ad Muratori > Léa la rógg e mè zét!

Zó de lèt, si pid ma tèra,
a sìnt zà i tambur ad guèra,
l’è léa ch’la cminza a urlè:
mèt al s-ciàfli per camnè!

A sò te bagn per lavè i dèint,
che bòja dn’ azidèint,
a sint a urlè arcòrdte béin,
da pulì e’ lavandèin.

Te vistìm a faz la pròva,
da tò ‘na camiša nòva,
sa léa ch’l’am šgrida,
ch’a n’ò zà una pulida.

Al schèrpi lin va béin,
am sò da mèt i mucaséin,
si pì schèlz sèinza calzét,
sa léa ch’la rógg e mè zét.

L’am diš: mèt só i calzun d vlud!
Che mè piutòst a staria nud,
jè pèšènt, sal cósti gròsi,
e im sfréga te mèz dal còsi.

Quand a stag per scapè,
la vò savè du ch’ò d’andè,
um vèin da dii, per stè bèin,
òz a vag int e’ cašèin!

Mo sicóm la i zirà stòrt,
ai dég: am vag butè te pòrt,
um dispièš dla bróta aziòun,
ch’a faz per libèraziòun.

A gl’j’ò dèt un scról d’vòlti,
an sò quanti, pèrò mòlti,
léa l’am rid sla faza,
e mè sa vòt ch’a faza?

Am strasèin ma la strèda,
fina se pòrt, läng la palèda,
e am dég quand ch’a só ilé
du ch’am bót ch’an sò nudè?

Ivano Aurelio Muratori

LEI URLA E IO ZITTO!

Giù dal letto, coi piedi a terra,/ sento già i tamburi di guerra,/ è lei che comincia a urlare:/ metti le ciabatte per camminare!

Sono nel bagno per lavarmi i denti,/ che boia di un accidente,/ sento urlare ricordati bene,/ di pulire il lavandino.

Nel vestirmi faccio la prova,/ di prendere una camicia nuova,/ con lei che mi sgrida,/ che ne ho già una pulita.

Le scarpe non van bene,/ mi devo mettere i mocassini,/ coi piedi scalzi senza calzini,/ con lei che urla e io zitto.

Mi dice: metti su i calzoni di velluto,/ che io piuttosto starei nudo,/ son pesanti, con le coste grosse,/ e mi sfregano fra le coscie.

Quando sto per uscire,/ vuole sapere dove devo andare,/ mi viene da dirle, per star bene,/ oggi vado nel casino!

Ma siccome le gira storto,/ le dico mi vado a buttare nel porto,/ mi dispiace della brutta azione,/ che faccio per liberazione.

Gliel’ho detto un sacco di volte,/ non so quante, ma sono molte,/ lei mi ride sulla faccia,/ io che cosa vuoi che faccia?

Mi trascino per la strada,/ fino sul porto, lungo la palata,/ e mi dico quando sono lì,/ dove mi butto che non so nuotare?

Ultimi Articoli

Scroll Up