Home > Cultura e Spettacoli > Libri per ragazzi, è nata una scuola di autori riminesi?

Libri per ragazzi, è nata una scuola di autori riminesi?

Ormai da un decennio i libri per bambini e ragazzi fanno da traino all’editoria italiana. Ma non solo: sono ormai quasi il 50% dell’export dei diritti dei libri italiani all’estero. Il report annuale dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sul settore, che viene presentato ogni primavera in coincidenza con Bologna Children’s Book Fair, la fiera internazionale del libro per ragazzi ormai divenuta un punto di riferimento a livello mondiale, parla per il 2019 di una crescita del 3,4% pari ad un importo complessivo raggiunto di 250 milioni di euro, e di una crescita di vendita dei diritti all’estero di un più 8,7% (venduti 3.342 titoli).

Oggi, scrive l’AIE, “l’editoria per ragazzi riesce a realizzare prodotti di alta qualità in una logica di innovazione, prodotti che sono molto apprezzati anche dagli editori stranieri”. Ma il 2020, come per tanti altri settori merceologici, a causa della pandemia di COVID-19 sta registrando flessioni di vendita e crisi: l’AIE parla di un 2020 a -25%, adulti e ragazzi. Ventimila libri in meno pubblicati. La stessa fiera del libro per ragazzi di Bologna quest’anno si è potuta svolgere solo in via digitale.

Normalmente il grande pubblico, tranne che i pochi addetti ai lavori, non presta grande attenzione a queste pubblicazioni per ragazzi. Sbagliando, forse. Sottovalutando sicuramente l’importanza formativa che questi libri hanno per i nostri bambini e ragazzi. Perché non è vero che la fascia 3-13 anni non legge. Semmai il problema del leggere esiste molto di più per la fascia 14-18 anni.

Oggi tutte le librerie hanno reparti importanti dedicati ai titoli per ragazzi. Ma a Rimini abbiamo anche la fortuna di avere una libreria interamente dedicata ai ragazzi, Viale dei Ciliegi 17, che da anni promuove ed organizza la lettura nella fascia dei più giovani, ed è stata tra i fondatori della manifestazione libraria riminese più importante: Mare di Libri arrivata quest’anno alla 13a edizione (si è svolta dal 12 al 14 giugno).

Voglio anche ricordare che la libreria ha avuto nel 2013 il Premio Andersen come “Protagonisti della promozione della cultura e della lettura”. Questa la motivazione dell’onorificenza: “Per l’entusiasta e ormai quasi decennale attività di promozione del libro e della lettura, contrassegnata dalla costante attenzione ai differenti bisogni dell’età evolutiva, dalla capacità di fare rete coinvolgendo il territorio e dal saper impulsare iniziative, si veda il Festival Mare di Libri, che vanno ben oltre la normale dimensione commerciale dei librai”.

Mare di Libri è il primo festival di letteratura in Italia dedicato unicamente agli adolescenti. Il festival è un’occasione di incontro e di dialogo con scrittori italiani e ospiti internazionali, attraverso diverse tipologie di eventi: presentazioni di libri freschi di stampa, monografie legate alle figure degli autori più influenti, dibattiti che offrono la possibilità di confrontarsi e scambiare opinioni con altri ragazzi e esperti, proiezioni di film, letture, laboratori e spettacoli.

In questi anni è cresciuta inoltre una generazione di autori e illustratori di libri per ragazzi riminesi. Difficile parlare di “scuola”, ma il fenomeno editoriale incomincia a diventare evidente, anche perché gli autori riminesi ormai sono presenti nei cataloghi dei più importanti editori. Assai diversi gli approcci di questi nostri autori con i ragazzi: chi affronta temi di attualità (l’ambiente, l’intercultura), chi si rivolge ai più piccoli e chi agli adolescenti, chi usa il disegno come forma espressiva prevalente.

Provo ad elencare una serie di autori e di titoli (quelli usciti negli ultimi anni), senza alcuna pretesa di completezza. Devo alla cortesia di Luca, uno degli animatori della libreria Viale dei Ciliegi 17 e della manifestazione Mare di Libri, la segnalazione di alcuni di questi autori riminesi e dei loro titoli.

  • Fulvia Alidori (Classe 1967. Nata a Firenze) – Daniele Susini (Classe 1975. Riminese da sempre) “Nonno Terremoto. Un bambino nel 1938” (Einaudi Ragazzi, 2019)
  • Patrizia Bacci (riminese)-Beatrice Nicolini “Il mio amico Robin” (Panozzo,2016)
  • Marianna Balducci (classe 1985. Riminese. Illustratrice per progetti pubblicitari e per l’editoria per bambini e ragazzi). Libri: “C’e una macchia sul mio disegno!” (ELI – La Spiga, 2019), “La vita nascosta delle cose” (Sabir, 2020); con Angelo Mozzillo (insegnante napoletano) “Io sono foglia” (Bacchilega junior, 2020)

  • Alice Barberini (classe 1977. Nata a Cesena, ma vive da sempre a Rimini. Illustratrice per l’infanzia). Libri: “Il cane e la luna” (Orecchio Acerbo, 2015), “La città del silenzio” (Orecchio Acerbo, 2017), “In the tube” (Orecchio Acerbo, 2020)

  • Daniela Donati (classe 1954. Riminese. Insegnante). Libri: “Chissà dove vanno in vacanza le mamme” (Mobydick, 1999), “L’alzabambini” (Raffaello, 2002), “Il grande puf” (Mondadori, 2009)
  • Sara Galli (classe 1980. Riminese. Educatrice al CEIS. Lavora con il gruppo teatrale Alcantara)-Roberto Grassilli (classe 1961. Nato in provincia di Bologna, vive da tempo a Rimini. Cartoonist, grafic designer). “Orlando e il pinguino” (Bertoni junior, 2018)

  • Riccardo Geminiani (classe 1970. Riminese. Giornalista e scrittore per bambini). Libri: “Teresa è nervosa” (San Paolo, 2001), “Nuvolando” (Arka, 2004), “Gnam gnam” (Coccole e caccole, 2010)
  • Michela Guidi (classe 1974. Riminese. Bibliotecaria). Libri: “La leggenda del paese dove nascono le parole” (Feltrinelli kids, 2019), “Ecciù. La biblioteca ha il raffredore” (Feltrinelli Kids, 2020)

  • Eva Montanari (classe 1977. Riminese. Autrice-illustratrice di fama internazionale). Libri: “Federico” (Kite, 2014), “L’alfabeto del mondo” (Carthusia, 2015), “Soldatino e ballerina” (Kite, 2017), “Cosa dice piccolo coccodrillo?” (Babalibri, 2020)

  • Gabriele Nanni (classe 1977. Nato a Rimini. Giornalista freelance. È stato per quattro anni addetto stampa del Festival Mare di Libri di Rimini). Libri: “L’impero invisibile” (Pelledoca, 2019), “Il numero 5” (Piemme, 2015).

Paolo Zaghini

Scroll Up