Home > La puèšia ad Muratori > Ma quii ch’im diš bèc a zur ch’ai faz séc!

Ma quii ch’im diš bèc a zur ch’ai faz séc!

A Santarcanzul ò zérc,/ dòv ch’l’éra l’èrc,/ ch’ avéva chèra d véda,/ i bécc pasè in sfilèda.

Una masa j punzéva,/ tal còrni ch’lin paséva,/ qualcuna la s’è spaca,/ qualcuna la s’è zàca.

Mè sal mèni am sò fat scud,/ còuntra un scròl d curnud,/ tót a róg e fè al mòsi,/ per dì al mi agl’jlè pjò gròsi.

Che furtuna ai géva mè,/ ui saria da sprufundé,/ da tirès una sciuptèda,/ e vujèlt a li fè véda.

E a gudì d’èss curnùd,/ bèla bagia a métve a nùd,/ a si iquè te mèz dla piaza,/ e tót quant iv rid sla faza.

Un ch’l’éra dré mè,/ um géva guèrda té,/ se i curnud i n’av niva,/ un gn’éra un’alma viva.

Sa tót cla rèsa ch’u jéra,/ a sò casc stéš ma tèra, /qualcun u m’à fat vèrc,/ finènt säta ma l’èrc.

Ò guèrs al còrni d bò,/ pu ò dét al savì chi sò?/ ma quii ch’im diš bèc,/ a zur ch’ai faz séc!

Ivano Aurelio Muratori

A quelli che mi dicono becco, giuro che li faccio secchi

A Santarcangelo ho cercato,/ dov’era l’arco,/ che avevo piacere di vedere,/ i becchi passare in sfilata

Molti spingevano,/ nelle corna che non passavano, /qualcuna si è spaccata,/ qualcuna si è ammaccata.

Io con le mani mi son fatto scudo,/ contro un sacco di cornuti,/ tutti a urlare e fare le mosse,/ per dire le mie sono le più grosse.

Che fortuna dicevo loro,/ ci sarebbe da sprofondare,/ da tirarsi una schioppettata,/ e voialtri le mostrate.

E godete di essere cornuti,/ bella bazza a mettervi a nudo,/ siete qui nel mezzo della piazza,/ e tutti quanti vi ridono in faccia.

Uno che era vicino a me,/ mi diceva guarda te,/ se i cornuti non venivano,/ non c’era anima viva.

Con tutta quella ressa che c’era,/ son caduto giù a terra,/ qualcuno mi ha fatto varco,/ fintanto sotto l’arco.

Ho guardato le còrna di bue,/ poi ho detto sapete chi sono?/ a quelli che mi dicono becco/ giuro che li faccio secchi!

Ultimi Articoli

Scroll Up