Home > Ultima ora Attualità > “Mai più sfruttamento stagionale”, i sindacati scendono in piazza durante la Notte Rosa

“Mai più sfruttamento stagionale”, i sindacati scendono in piazza durante la Notte Rosa

con la presente vi vorremmo invitare al presidio, ed alla relativa conferenza stampa, organizzati in occasione della notte rosa dalla campagna “Mai più sfruttamento stagionale” e dall’Unione Sindacale di Base in Piazzale Kennedy, Mercoledì 28 Luglio alle 22.30
La Campagna “Mai più sfruttamento stagionale” nasce due anni fa dalla volontà di alcuni lavoratori stagionali di varie località del paese di organizzarsi per migliorare le condizioni di chi lavora in stagione.

“Mai più sfruttamento stagionale”. In occasione dell’avvio della Notte Rosa l’Unione Sindacale di base di Rimini ha annunciato una conferenza stampa e un presidio di protesta in Piazzale Kennedy a Rimini.

“Scendiamo di nuovo in piazza a Rimini in occasione della Notte Rosa per pretendere diritti e tutele, per lottare contro lo sfruttamento che attanaglia i lavoratori stagionali di tutta la penisola. Perchè se il lavoro stagionale è solo sfruttamento noi ci organizziamo per l’applicazione ed il miglioramento del CCNL di riferimento, ma anche per chiedere tutela da parte delle pubbliche amministrazioni di tutti quei lavoratori che producono il 15% del Pil in questo Paese tramite controllo serrato e contrattazione territoriale per migliorare le condizioni di lavoro.

Ieri eravamo abbandonati alla giungla dei diritti: zero giorni di riposo, paghe da fame per turni interminabili, retribuzioni in grigio ed a forfait. Oggi veniamo additati come fannulloni che preferiscono bonus e reddito al lavoro.

Rimandiamo al mittente queste accuse e costruiamo l’intervento in questo settore abbandonato. Denunciamo lo sfruttamento di questi imprenditori predatori e criminali. Inchiodiamo le amministrazioni, complici dello sfruttamento, alle loro responsabilità pretendendo controllo serrato e contrattazione territoriale. Produciamo ricchezza col nostro sudore, è arrivato il momento di rivendicare diritti e migliori retribuzioni”.

Ultimi Articoli

Scroll Up