Home > Ultima ora politica > Di Maio (Pd): “Poste Italiane non può ignorare allarme lavoratori in appalto”

Di Maio (Pd): “Poste Italiane non può ignorare allarme lavoratori in appalto”

“Esprimo vicinanza ai lavoratori e alle lavoratrici dipendenti dell’azienda che ha in appalto i servizi di pulizie degli uffici di Poste Italiane di Rimini, Forlì, Cesena e Ferrara. Per sostenere le loro ragioni, ho presentato una interrogazione al ministero del lavoro e delle politiche sociali affinchè si attivi per affrontare le condizioni di assoluta difficoltà che una sessantina di famiglie si trovano a dover affrontare”. Lo afferma il deputato Marco Di Maio rispondendo al grido d’allarme lanciato dai lavoratori dell’appalto di pulizie di Poste italiane, impegnati in questi giorni in uno sciopero per rivendicare le proprie ragioni.

Si tratta di una ottantina di persone, dipendenti della ditta idea Servizi Integrati, da maggio divenuta Nuova Idea impegnati nell’appalto di pulimento degli uffici di Poste Italiane di Rimini, Forlì, Cesena e Ferrara.

“Secondo quanto riferito dai rappresentanti dei lavoratori – afferma il deputato romagnolo – lavoratrici e lavoratori sono costretti a fare i salti mortali tra i vari uffici per rispettare le ore settimanali che sarebbero pagate 7 euro lorde l’ora. Risulterebbe che i dipendenti non ricevano le dovute spettanze dal mese di aprile e nonostante le proteste, non hanno ottenuto alcuna risposta dalla propria azienda e neppure dall’azienda committente e cioè da Poste Italiane”. 

“E’ importante che Poste Italiane abbia inaugurato nei giorni scorsi il proprio nuovo hub logistico, un gioiello dal punto di vista tecnologica – conclude il parlamentare romagnolo –; ma a questa attenzione all’innovazione, che condividiamo, va accompagnata la medesima attenzione alla qualità del lavoro e al rispetto degli impegni presi nei confronti dei lavoratori. Diretti e indiretti”. 

Scroll Up