Home > Cronaca > Marito violento si prende il figlio da scuola e minaccia il suicidio

Marito violento si prende il figlio da scuola e minaccia il suicidio

Una telefonata  in preda al panico e all’angoscia, il racconto di una violenza subita la sera prima e infine la paura per il figlio di 10 anni che il marito era andato a prelevare a scuola minacciando il suicidio. Da una parte le parole di una donna impaurita dall’altra i Carabinieri della stazione di un paese della Provincia di Arezzo che non hanno esitato a trasmettere l’allarme, ieri sera, a una delle squadre volanti della Polizia di Stato di Rimini. Perchè lui, il marito, era scappato in Riviera, a Rimini nei dettagli,  con il loro figlioletto, minacciando di suicidarsi. La coppia di coniugi  entrambi italiani, viveva in un piccolo paese della Provincia toscana e negli ultimi mesi il loro rapporto era stato piuttosto turbolento, tanto da che lei era arrivata persino a denunciarlo per maltrattamenti.

L’ultimo episodio, appena due giorni fa. Nella serata del 4 febbraio la quarantaquattenne era stata minacciata con una pistola dal marito, padre di suo figlio, che aveva già denunciato per maltrattamenti, come detto. Maltrattamenti in seguito ai quali lei aveva deciso di tornare a vivere con la sua famiglia e al figlioletto con l’intento di separarsi dall’uomo. Un abbandono che lui non aveva accettato. Proprio per questo la sera di martedì, lui  l’aveva aspettata sotto casa e le era piombato addosso spuntando dal nulla. colpendola con un pugno al volto e costringendola a a salire in macchina sotto la minaccia di una pistola che solo qualche minuto dopo avrebbe rivelato essere finta.

Dopo aver vagato in macchina senza sosta i due avevano prelevato il figlio dalla palestra e poi avevano fatto rientro ciascuno a casa propria. La donna però non ci aveva pensato due volte, presentandosi al pronto soccorso e denunciando l’accaduto ai Carabinieri.

All’indomani, ovvero nella mattinata di ieri, il padre si era presentato a scuola del figlio, nell’aretino,  prelevando il bambino e comunicando alla moglie che se non fosse tornata con lui l’avrebbe fatta finita. I Carabinieri sono riusciti a geolocalizzare la posizione dell’uomo rintracciandolo a Rimini allertando la Questura del capoluogo romagnolo.

Qui i poliziotti della squadra volante lo hanno rintracciato e dopo averlo invitato a sostenere una visita medica specialistica in pronto soccorso hanno inviato gli atti ai Carabinieri di Arezzo. Saranno integrati a quelli della denuncia già presentata dalla donna per maltrattamenti.

Scroll Up