Home > Ultima ora sport > Matteo Ferrari è il nuovo Campione del mondo di MotoE e Rimini lo ringrazia

Matteo Ferrari è il nuovo Campione del mondo di MotoE e Rimini lo ringrazia

E’ stato un abbraccio caldo e affettuoso quello che ha accolto Matteo Ferrari ieri sera di ritorno da Valencia nella sede del Motoclub Renzo Pasolini.

Sono stati tanti gli appassionati che hanno voluto festeggiarlo al termine di un’impresa sportiva che l’ha visto non solo eccellere nella nuova categoria che ha fatto quest’anno il proprio esordio tra le gare del MotoGP, ma gli ha consegnato il primo titolo di Campione del Mondo di MotoE.

Non è il primo titolo importante che Matteo Ferrari ha portato nella bacheca del moto club storico della Città. Campione Europeo minimoto nel 2006 a 9 anni, Campione Italiano MiniGP Junior 50 nel 2009, anno in cui vince il Trofeo Honda HIRP, nel 2010 Campione Italiano Honda Trophy Extreme, nel 2011 Campione Italiano Honda RS125GP, nel 2012 Campione Europeo Moto3, per tre anni, dal 2013 al 2015, tra i protagonisti del mondiale di Moto3 da cui passa con ottimi risultati in CIV SuperBike fino allo scorso anno, per giungere alla splendida stagione 2019 dove, alfiere del Team Trentino Gresini in una categoria nuova e difficile come la MotoE si aggiudica il titolo con 3 podi (2 vittorie, 1 terzo posto) e 3 quinti posti.

E’ stato quindi con l’orgoglio di tutto il mondo motoristico riminese che nella serata di ieri, in cui faceva bella mostra di sé il bel Casco dorato del nuovo Campione celebrativo dell’impresa, “un’altra pagina sportiva importante – è il commento dell’Amministrazione comunale di Rimini – sia stata scritta su quel lunghissimo Wall of Fame del motociclismo riminese che più di ogni altro testimonia del ruolo, del successo e dell’attaccamento al mondo dei motori proprio di Rimini e della sua gente. Un ringraziamento al nuovo Campione del Mondo e ai tanti che con amore e passione gli sono stati a fianco in questa sua luminosa carriera, e un augurio per i nuovi eccellenti traguardi che potrà raggiungere in un futuro più che prossimo.”

Scroll Up