Home > La puèšia ad Muratori > Mè a vòt per Jamil

Ch’a dag e’ vót ma Jamil,/ a n’avria bšägn ad dil,/ mo an gne la faz a stè zét,/ e sal dég u n’è un dèlét.

Per vutè e’ prim zitadèin,/ bšägna pénsèi bèin,/ che una vòlta mès ilé,/ un si tòrna miga indré.

Mè a ne vót e’ prim che pasa,/ che diš ch’e’ chèva qualche tasa,/ sa ne cnäs an m’ afid,/ agl’jè prumèsi ch’al fa rid.

Me ai faz prima e’ tampòun,/ per véda se l’è bòn,/ sl’è tachèd ma la zità,/ e per véda du ch’e’ va.

A vój véda cus ch’l’à fat,/ an vój ch’um faza dvantè mat,/ e che e’ dòrma e un si mòva,/ cmè la ciòca che la còva.

Jamil l’à fat bèin l’asèsòr,/ la zità u la fata còr,/ ma Gnasi u jà fat da spala,/ e lo adès u jà pas la pala.

U n’à fat dal ròbi strèni,/ e indov ch’l’à mès al mèni,/ l’à fat qualcosa ad bòn,/ l’è sèinz’èltre un brèv òm.

L’è capèzi d’aministrè,/ l’è un ch’us dà da fè,/ e stà da sintì, l’è zantil,/ insäma mè a vót per Jamil.

Ivano Aurelio Muratori

Che dò il voto a Jamil,/ non c’è neanche bisogno di dirlo,/ ma non ce la faccio a star zitto,/ e se lo dico non è un delitto.

Per votare il primo cittadino,/ bisogna pensarci bene,/ che una volta messo lì,/ non si torna mica indietro.

Io non lo voto il primo che passa,/ che dice che toglie qualche tassa,/ se non lo conosco non mi fido,/ sono promesse che fanno ridere.

Io gli faccio prima il tampone,/ per vedere se è buono,/ se è attaccato alla città,/ e per vedere dove va.

Voglio vedere cos’ha fatto,/ non voglio che mi faccia diventar matto,/ e che dorma e non si muova,/ come la chioccia che còva.

Jamil ha fatto bene l’assessore,/ la città l’ha fatta correre,/ a Gnassi gli ha fatto da spalla,/ e lui adesso gli ha passato la palla.

Non ha fatto cose strane,/ e dove ha messo le mani,/ ha fatto qualcosa di buono,/ è senz’altro un brav’uomo.

È capace di amministrare,/ è uno che si dà da fare,/ sta a sentire, e gentile,/ insomma io voto per Jamil.

Ultimi Articoli

Scroll Up