Home > Ultima ora Attualità > “M’illumino di Meno” anche a San Giovanni in Marignano

“M’illumino di Meno” anche a San Giovanni in Marignano

Oggi è “M’illumino di Meno”, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, ideata nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2 per chiedere ai propri ascoltatori di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili; un’iniziativa simbolica e concreta che fa del bene al pianeta e ai suoi abitanti.

Il tema di quest’anno, in particolare, è l’economia circolare, al fine di indurre comportamenti che possano far riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose. Perché le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: bottiglie dell’acqua minerale che diventano maglioni, carta dei giornali che ritorna carta dei giornali, una cornetta del telefono diventa una lampada, fanghi che diventano biogas…

D’altronde l’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante sia a livello nazionale che locale e spegnere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità resta un’iniziativa concreta, non solo simbolica. 

San Giovanni aderisce con convinzione a questa campagna da alcuni anni. L’illuminazione pubblica di Piazza Silvagni e via XX Settembre resterà spenta.

La Biblioteca Sgm Comunale ha allestito uno scaffale con delle letture tematiche.

Oggi, inoltre, è stata presentata la mostra: “Il ritratto del riciclaggio”, che si trova presso il primo piano della sede comunale e sarà visibile negli orari di apertura del Comune per tutto il mese di marzo. La mostra, realizzata da Daniel Seton Coggins, con la tecnica del collage di riviste, esalta materiali poveri e di scarto, riutilizzandoli e nobilitandoli, creando bellezza con il riciclo e coerenza dal caos.

Biografia dell’artista

Daniel Seton Coggins studia Belli Arti all’Università di Yale con Dick Lytle e segue un corso di Teoria del Colore di Josef Albers. Lavora come artista a New York prima di trasferirsi in Emilia Romagna dove tuttora vive.

Le sue opere spaziano dagli acquarelli agli acrilici, dagli intagli in linoleum ai collage dove attualmente si sta concentrando di più. I suoi collage attingono dalle tradizioni del Dadaismo e dei “ready-made” di Duchamp. Si possono notare le influenze della grafica commerciale di Andy Warhol e la disintegrazione dell’immagine di Chuck Close. L’artista insegna il Disegno e il Colore in Corsi di Arte a Pesaro ed esegue ritratti su commissione.

Sempre in tema di recupero e riciclo non si può dimenticare La CasaMatta – Piazza Silvagni, aperta in occasione dei principali eventi, luogo in cui è possibile portare indumenti, oggetti e altro non più in uso cui dare nuova vita. Il ricavato va a finanziare progetti in ambito sociale.

Lo scorso giovedì, inoltre in Biblioteca, è stata presentata “Rina la tartaruga marina”, Laboratorio teatrale per bambini sull’Ecologia a cura di Virginia Spadoni – Teatro Cinquequattrini

Domenica 3 marzo alle ore 17.00, infine, è prevista una camminata tra stelle e candele. Ritrovo Casina Asmara

Realizzazione di una piccola lanterna e passeggiata per famiglie a lume di lanterna lungo il Conca, a cura di BimbiperNatura.

Scroll Up