Home > Ultima ora > Il ministro Costa sulle concessioni demaniali: “Proroga secca impossibile, testo prima dell’estate”

Il ministro Costa sulle concessioni demaniali: “Proroga secca impossibile, testo prima dell’estate”

Ieri pomeriggio si è tenuto al bagno 88/89 (le Palme Beach) di Riccione un incontro voluto dall’onorevole Sergio Pizzolante per parlare dell’evoluzione della legge di Riforma delle Concessioni Demaniali, di cui cui è relatore. Per l’occasione di tale incontro è tornato in Riviera il ministro degli Affari regionali Enrico Costa, che davanti una platea di oltre 100 persone ha chiarito alcuni punti del disegno legge. A fianco di Pizzolante e del ministro Costa, c’erano anche il candidato sindaco per Patto Civico Riccione Carlo Conti e uno degli operatori balneari che ha disegnato la storia dei lidi della costa riccionese, Enzo Manzi, a sua volta candidato della lista Patto Civico.

Manzi ha rivolto subito il suo appello al ministro per chiedere sicurezze e garanzie nel lavoro, dopo anni di fatiche. “Siamo in balia totale. Vorremmo delle certezze, certezze solide. Ora come ora abbiamo davvero troppi padroni, troppa sovrintendenza, dalla capitaneria alla polizia.” E ha proseguito: “Oggi, intanto, sono qui e voglio ringraziare di cuore l’onorevole Pizzolante che si è sempre prodigato per la nostra categoria. Ed è proprio per questa ragione che ho deciso di candidarmi per la lista Patto Civico Riccione a sostegno di Carlo Conti.”

Carlo Conti ha proseguito sottolineando la sua intenzione, in vista di una eventuale vittoria elettorale, di sfruttare al meglio la più grande risorsa del territorio riccionese: il mare: “É sulla spiaggia che bisogna concentrare la nostra attenzione, cercando investimenti e cercando di utilizzarla non soltanto per la stagione estiva, ma per un periodo più lungo, di almeno otto mesi. Ma, naturalmente, per investire si necessitano sicurezze”.

L’onorevole Sergio Pizzolante, prima di focalizzarsi sulla nuova legge, di cui è relatore assieme all’onorevole Tiziano Arlotti, ha espresso la sua gratitudine verso la generosità di Enzo Manzi e ha evidenziato la brutalità dei toni e la demagogia della campagna elettorale in atto in questi mesi a Riccione.

Ci siamo sempre impegnati per proteggere la categoria degli operatori balneari, valorizzando la loro attività. – ha affermato l’onorevole – Sul come proteggerli ci possono essere idee divergenti, ma chi ha idee diverse non può diventare un nemico. Ringrazio inoltre il ministro Costa, che ha fatto proprie le istanze dei balneari riccionesi in un disegno di legge. Questo disegno prevede un congruo periodo transitorio per il passaggio dal vecchio sistema del rinnovo automatico delle concessioni al nuovo sistema previsto dall’Europa. Solo dopo un lungo periodo di transizione si arriverà alle evidenze pubbliche che sono diverse dalle aste, in quanto non implicano gare al rialzo dell’offerta economica, dal momento che il canone sarà stabilito prima. Saranno considerati anche elementi di valorizzazione e protezione delle imprese, che vanno a premiare la professionalità ed esperienza”.

Il ministro Enrico Costa, in conclusione, ha evidenziato l’impossibilità di una proroga secca e la necessità di una fase transitoria per disciplinare nuovamente la materia in maniera organica. Inoltre ha aggiunto: “Vogliamo fare in modo che vi siano degli elementi di valorizzazione fondati sulla quotidianità ed esperienza , sull’impegno, sulla cura quotidiana delle cose”. Sua speranza e suo obiettivo sono che “Il Parlamento rispetti i tempi, la Camera licenzi il testo prima dell’estate e gli operatori del settore abbiano reali certezze e prospettive.”

Scroll Up