Home > Ultima ora cronaca > Misano, elicottero in un campo sportivo: Comune e circuito: “Imperdonabile, nessuno ci ha avvertito”

Misano, elicottero in un campo sportivo: Comune e circuito: “Imperdonabile, nessuno ci ha avvertito”

Spiacevole e inspiegabile. L’episodio accaduto ieri al campo sportivo di Misano, con l’inatteso atterraggio di un elicottero che ha bloccato una manifestazione sportiva in corso, ha sorpreso l’Amministrazione, Misano World Circuit e lo staff organizzativo del Ferrari Challenge Europe. Sull’episodio il sindaco di Misano Stefano Giannini e il direttore del circuito Andrea Albani (nella foto) hanno emesso un comunicato congiunto.

“L’Amministrazione – è il commento del Sindaco di Misano, Stefano Gianniniha appreso dell’accaduto dai protagonisti di quello che era, e doveva essere, un pomeriggio di festa e di sport, fra bambini e famiglie. Quanto successo è imperdonabile. Ci siamo subito attivati con MWC e, tramite il Circuito, con l’organizzazione del Ferrari Challenge Europe, ma subito è stato chiaro che si è trattato di una iniziativa autonoma e della quale nessuno di coloro che doveva essere informato lo è effettivamente stato. Siamo a disposizione della società sportiva per supportarla nelle iniziative che vorranno intraprendere”.

“Misano World Circuit – spiega il managing director Andrea Albaniè strutturato al suo interno per ricevere l’atterraggio di elicotteri. Accade abitualmente e osservando un preciso protocollo. Siamo molto dispiaciuti dell’accaduto, prendiamo le distanze dall’episodio che evidentemente non coinvolge l’Amministrazione e nemmeno Ferrari. Si tratta di un’iniziativa autonoma e assolutamente imperdonabile imputabile unicamente alla compagnia che ha in gestione l’elicottero e a chi ne era ai comandi”.

Per la precisione, fa notare la nota congiunta, “si ricorda che l’attuale normativa per l’atterraggio su elisuperfici occasionali (DM 1 febbraio 2006 e la Circolare ENAC APT 36) prevede che il pilota debba avere innanzitutto l’autorizzazione del proprietario dell’area, poi, nel caso di MWC, che debba essere richiesta un’autorizzazione all’ente ATS – Air Traffic Service – competente per la zona e infine che si comunichi l’attività ad ENAC e alla forza dell’ordine competente per il territorio”.

Inoltre, “Qualsiasi richiesta d’atterraggio in aree dell’autodromo deve essere valutata dalla Proprietà e concordata. La richiesta deve contenere tutti i dati utili (nomi di persone, contatti telefonici del Comandante e dell’organizzazione) ed è cura del Comandante fare le comunicazioni previste dalla normativa dopo aver ottenuto l’autorizzazione dalla proprietà, pena l’annullamento dell’autorizzazione all’atterraggio”.

Scroll Up