Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Misano: venerdì per “Terre del futuro” Michela Marzano sul tema dell’Amore

Misano: venerdì per “Terre del futuro” Michela Marzano sul tema dell’Amore

Ultimo appuntamento, venerdì 24 Novembre, al cinema-Teatro Astra, alle ore 21.00, con TERRE DEL FUTURO. A concludere la rassegna una parola di cinque lettere in grado di scatenare un forza quasi disumana: l’ Amore. A spiegarne il significato in relazione alle sfide che si pongono di fronte a noi sarà Michela Marzano, docente di filosofia morale all’Università Descartes di Parigi. Amare significa aprirsi all’altro riuscendo a superare il proprio egoismo; significa riconoscere la diversità altrui rifiutandone l’omologazione a modelli precostituiti. È solo affrancandosi dalla spasmodica ricerca dell’affermazione di sé veicolata dalla società contemporanea e dall’estenuante tentativo di adeguarsi agli standard da questa imposti che la nostra vita ed il mondo possono trovare riparo. Occorre, per Marzano, fare pace con ciò che non si ha e con ciò che non si è per scoprire la bellezza dello stare insieme all’altro e sperimentare l’amore. Quel sentimento che unico ci dà forza nell’affrontare il vuoto dell’esistenza e ci salva. Perché l’amore è tutto.

 

Michela Marzano

Michela Marzano è docente di Filosofia morale e Direttore del Dipartimento di Scienze sociali presso l’Università Paris V – René Descartes. Si occupa dello statuto del corpo e della condizione umana nell’epoca contemporanea: dopo aver approfondito in particolare il rapporto tra etica e sessualità e le forme del potere biopolitico nelle organizzazioni aziendali, si è da ultimo dedicata alla questione dell’amore. Tra i suoi libri in italiano: L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore (Torino 2013); Il diritto di essere io (Roma-Bari 2014); Di fame e d’amore. Il cibo, il corpo e il mito del controllo (Milano 2014); Non seguire il mondo come va. Rabbia, coraggio, speranza e altre emozioni politiche (Torino 2015); Papà, mamma e gender (Torino 2015); L’amore che mi resta (Torino 2017).

Ingresso libero sino ad esaurimento posti

Ultimi Articoli

Scroll Up