Home > Ultima ora cronaca > Molestie su minore in Hotel. Chiesto il processo immediato per l’albergatore

Molestie su minore in Hotel. Chiesto il processo immediato per l’albergatore

Il pubblico ministero Davide Ercolani ha chiesto il giudizio immediato per l’albergatore accusato di aver molestato un ragazzo 14enne ospite del suo hotel.

Era fine agosto 2019 quando un noto albergatore di 57 anni, veniva stato arrestato  con l’accusa di violenza sessuale aggravata su un ragazzino di 14 anni.

L’albergo è un 4stelle di Miramare e secondo l’accusa, il minorenne addormentato su una sedia a dondolo della veranda dell’hotel, si è svegliato bruscamente quando ha sentito delle mani che frugavano nelle parti intime del suo corpo. Il ragazzino non ha avuto neanche la forza di reagire e sempre secondo il suo racconto ha dovuto subire un rapporto orale. Solo quando l’albergatore ha terminato l’”attenzione” il 14enne ha avuto la forza di raccontare tutto al padre. Il genitore ha chiamato immediatamente i carabinieri  ed ha fatto formale denuncia.

Le indagini sono andate avanti nei giorni e settimane successive. Trattandosi di un minore la testimonianza è stata raccolta alla presenza di uno psicologo. Il minorenne ha ripetuto puntualmente i fatti accaduti, che  aveva raccontato già al padre, ribadendo le accuse all’albergatore.

Durante le indagini l’albergatore, che si è dichiarato del tutto innocente ed estraneo ai fatti raccontati, difeso dagli avvocati Paolo Righi e Alessandro Pierotti, aveva fornito dichiarazioni spontanee al PM e consegnato cellulare e computer. La versione è del tutto diversa da quella del 14enne. L’albergatore ha detto di non avere mai toccato il ragazzino. Quella notte aveva notato una prima volta il 14enne sul dondolo della veranda che dormiva ed una seconda volta, sempre sul dondolo con il cellulare in mano e i pantaloni calati. L’albergatore aveva invitato il ragazzino a non fare certe cose negli spazi aperti dell’albergo.

Una versione questa che contrasta con le analisi svolte dal Ris di Parma sugli indumenti del minorenne.  Sono state rinvenute, infatti,  tracce di dna misto, appartenente quindi sia al ragazzo che all’albergatore accusato di molestie.

Per il PM Ercolani vi sono tutti gli elementi processuali per procedere al processo immediato.

L’albergatore attualmente è agli arresti domiciliari.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up