Home > Ultima ora sport > Montescudo-Montecolombo: il Presidente Bonaccini per l’avvio dei lavori al Campo Sportivo Taverna

Montescudo-Montecolombo: il Presidente Bonaccini per l’avvio dei lavori al Campo Sportivo Taverna

Il presidente Stefano Bonaccini, nel pomeriggio di oggi, ha fatto visita alla comunità di Montescudo-Montecolombo, in provincia di Rimini, in occasione dell’avvio ufficiale dei lavori di ampliamento e completamento del Campo sportivo Taverna, presenti la sindaca Elena Castellari, l’assessore allo Sport del Comune, Michele Baldacci, i sindaci dei Comuni della Provincia di Rimini e autorità locali.

All’iniziativa anche la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna Emma Petitti e il presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi.

Nella struttura (di dimensioni di m. 25 x 43), si procederà al completamento della pavimentazione in resina adeguata per la pallavolo e il calcetto, oltre che alla fornitura di attrezzature sportive idonee sia per il volley (rete) che per il calcio a 5 (porte). E’ previsto anche un nuovo edificio adibito a spogliatori e servizi igienici (al momento mancante). L’intervento, dal costo di 700mila euro, è cofinanziato dalla Regione Emilia-Romagna con 350mila euro. 

L’intervento ha l’obiettivo di diversificare l’offerta di disciplina sportiva, oltre quella calcistica, offrendo possibilità di praticare pallavolo, calcetto, pattinaggio, pallacanestro, oltre a favorire l’accessibilità e la fruibilità della struttura sportiva da parte di persone con disabilità, mediante la realizzazione di nuova viabilità. Il nuovo complesso sportivo sarà anche a disposizione delle scuole presenti sul territorio comunale ed extra-comunale, per le attività motorie o sportive in orario scolastico o pomeridiano. Potrà infine favorire la nascita di nuove associazioni sportive nel territorio comunale ed extra-comunale, realtà educative fondamentali per contrastare il fenomeno della sedentarietà.

Lo sport è stato fin da inizio legislatura al centro della nostra azione politica – ha affermato il presidente Stefano Bonaccini al taglio del nastro –. Abbiamo assegnato al settore oltre 58 milioni di euro, soprattutto per la riqualificazione degli impianti sportivi, nella convinzione che la pratica sportiva sia un importante elemento di coesione sociale. Soprattutto in questo momento, in cui è necessario ripartire dopo il lockdown causato dalla pandemia, la salute e i corretti stili di vita e in generale il benessere delle persone sono di primaria importanza. Per questo puntiamo a rafforzare il rapporto con le comunità e i territori, sostenendo gli enti locali nella realizzazione, gestione e miglioramento degli impianti sportivi, affinché la pratica sia alla portata di tutti. Senza dimenticare la sicurezza, perché il Coronavirus è ancora da sconfiggere e per farlo abbiamo bisogno della collaborazione di tutti”.

 

La Regione per gli impianti sportivi 

Il ripristino del Centro sportivo Taverna rientra nel più grande piano di investimenti nell’impiantistica sportiva che la Regione abbia mai conosciuto, con l’obiettivo di favorire la pratica sportiva per tutti e avere spazi più grandi, più sicuri e accessibili. La Giunta regionale ha messo a disposizione per l’impiantistica e gli spazi sportivi 38,7 milioni di euro. Un’operazione che mobilita investimenti per oltre 110 milioni di euro e che permette di finanziare 157 progetti presentati da altrettanti Comuni. Dall’inizio della legislatura i finanziamenti per la riqualificazione degli impianti sportivi hanno raggiunto la cifra di 43,7 milioni.

Scroll Up