Home > Ultima ora Attualità > Montescudo, quando Lanzafame inneggiava a Salvini

Montescudo, quando Lanzafame inneggiava a Salvini

In quel ristorante di Montescudo la vera vittima è Masamba, il cuoco del Gambia. E il suo datore di lavoro Riccardo Lanzafame fino a poco fa inneggiava a Salvini. Lo scrive Lorenzo Tosa, 35 anni, giornalista e blogger. Già responsabile negli ultimi tre anni della comunicazione del M5S in Liguria, ha lasciato il MoVimento nel novembre scorso “per motivi di coscienza” affermando fra l’altro “Oggi lo possiamo dire: è successo il contrario di quello che diceva Grillo: invece di essere argine al fascismo, il Movimento ha finito per fargli da apripista”.

Nell’occuparsi del caso di Montescudo, Tosa scrive sulla sua pagina Facebook:

Avete presente il caso del ristoratore di Rimini che ha assunto un pizzaiolo del Gambia e poi affisso un cartello nella sua locanda invitando i “razzisti” a non entrare. In poche ore è diventato un paladino dell’integrazione, un simbolo dell’Italia bella, dalla schiena dritta, accogliente. Una storia perfetta. Troppo perfetta.

Così mi sono insospettito e ho cercato di capirne di più, oltre i peana e le dichiarazioni trionfanti. E quello che ho scoperto è che il locandiere non era esattamente un esempio di umanità e di accoglienza. Negli stessi mesi in cui Masamba (questo il nome del ragazzo gambiano) lavorava lì, il ristoratore condivideva su Facebook post degni del peggior hater leghista, contro ogni forma di immigrazione e arrivando addirittura a definire Salvini “il miglior ministro degli ultimi 70 anni.” Due ore dopo l’uscita del mio articolo su Tpi, l’uomo ha cancellato la sua pagina Fb ed è sparito, come fanno tutti i vigliacchi una volta scoperti. Ma intanto in rete restano chilometri di articoli, video, post, tweet che inneggiano a lui, mentre a un’intera comunità, quella di Montescudo, che l’integrazione la mette in pratica ogni giorno per davvero, resterà per sempre l’infamia di quell’etichetta: “razzisti”.

Credete che oggi sui giornaloni dedicheranno anche solo una riga per ristabilire la verità? Credete che racconteranno dei due centri d’accoglienza presenti a Montescudo, in un territorio di pochi chilometri quadrati? Dei locali e ristoranti della zona in cui lavorano cuochi e camerieri di ogni nazionalità e colore, senza che nessuno abbia mai sollevato un sopracciglio?

Ma la vera vittima di questa triste vicenda – e il motivo per cui ho (ri)scritto questa storia – è lui, Masamba: usato, sfruttato, strumentalizzato dal suo datore di lavoro per un po’ di visibilità e qualche coperto in più. Se c’è qualcuno che odio più dei razzisti è chi usa il razzismo per propaganda e fini personali (vi ricorda qualcuno?).
E, se vogliamo davvero combattere questa piaga ormai dilagante nel nostro Paese, noi tutti – cittadini, utenti, professionisti dell’informazione – abbiamo il dovere morale di distinguere la realtà dalla narrazione, la bontà dall’ipocrisia. Altrimenti quando ci ritroveremo di fronte al razzismo, quello vero, correremo il rischio di non riconoscerlo.

Scroll Up