Home > Ultima ora politica > Montescudo: “Sbagliata la scelta dell’area individuata per le nuove elementari”

Montescudo: “Sbagliata la scelta dell’area individuata per le nuove elementari”

Nell’ultimo Consiglio comunale – scrive la lista Torri Unite – sono state presentate alcune decisioni dell’amministrazione Casadei che non possiamo condividere e, anzi, ci preoccupano molto, visto che riguardano un tema così importante e sensibile come le scuole.

In tal senso, la progettazione della nuova scuola elementare, per la quale sono stati previsti 65mila euro, ci risulta sbagliata e azzardata: l’area individuata, infatti – prosegue la nota di Torri Unite – risulta essere non solo molto scoscesa, ma soprattutto piena di vincoli, da quelli cimiteriali a quelli boschivi, per finire con quelli provinciali. Senza considerare che l’area non è di proprietà comunale e non ha la destinazione urbanistica corretta. Una scelta che potrebbe rivelarsi dannosa, quindi, nel momento in cui il progetto rischia di venire bloccato. E questo anche in ottica del canale di finanziamento del PNRR. In verità, ci sono aree molto più idonee e progetti finanziabili, ma evidentemente al sindaco Casadei e i suoi colleghi di Giunta non interessa perché ricadrebbe in altre frazioni rispetto a quelle che, ormai è chiaro a tutti, prediligono.

A tal proposito concludiamo questo breve intervento con quella che potrebbe essere comunque una buona notizia, ovvero la previsione di 25mila euro per realizzare una pensilina davanti al plesso scolastico di Montescudo per garantire una migliore sicurezza all’ingresso degli studenti. E’ una scelta opportuna, ma vogliamo ricordare che i genitori, pochi mesi fa, ci avevano sollecitato a realizzarla per la scuola di Croce, che quindi resterà sprovvista di questa protezione. Una ulteriore conferma – conclude la nota di Torri Unite – o per meglio dire un altro indizio, delle ipotesi che circolano in questi giorni sul futuro stesso della scuola di Croce, su cui aleggerebbe lo spettro di una possibile chiusura. Stiamo verificando se tali ipotesi esistano davvero o si tratti solo di voci di corridoio, come tante ne abbiamo ascoltate in questi mesi. Quasi tutte si sono poi concretizzate, purtroppo, magari questa volta non accadrà”.

Ultimi Articoli

Scroll Up