Home > Primo piano > Municipio di Cattolica di nuovo vandalizzato, Bonaccini: “Prevaricatori”

Municipio di Cattolica di nuovo vandalizzato, Bonaccini: “Prevaricatori”

Tornano le scritte sulla facciata del municipio di Cattolica, dopo pochi giorni dall’atto vandalico firmato “no Green pass”. Ieri sera, i writers hanno ‘colpito’ anche il vicino Comune marchigiano di Gabicce Mare. Dopo il raid che, nella notte di mercoledì scorso, ha imbrattato l’edificio simbolo delle istituzioni del piccolo Comune romagnolo con scritte contro la certificazione verde, questa mattina sono apparse parole offensive e lo slogan ripetuto più volte “per la verità” nel lato di ingresso del municipio, mentre sulle colonne dell’ingresso sono stati tracciati insulti e a base di turpiloquio.

Stessi toni per le parole tracciate a Gabicce Mare. Condanna per gli atti e solidarietà alle amministrazioni arrivano dal governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini che sui social posta le immagini dell’atto vandalico: “Questa notte il municipio di Cattolica è stato imbrattato con scritte no Green pass (prontamente rimosse)”, riferisce.

“Un clima di prevaricazione e provocazione che continua – prosegue – al quale bisogna rispondere con il massimo dell’unità fra istituzioni, forze politiche e sociali. E il grazie va alla stragrande maggioranza degli italiani che ha scelto di aderire alla campagna vaccinale, rispettando le misure di prevenzione che stanno permettendo al paese di ripartire”.

Con una diretta Facebook interviene anche il sindaco di Cattolica Mariano Gennari: “Mi sono sentito davvero ferito da quest’altro atto vandalico fatto sulle mura della casa comunale, non siamo da soli questa volta e la ferita è doppia”, commenta. “Come ho già detto la scorsa settimana, non è questo il modo di portare avanti le proprie posizioni e idee, ci sono altri modi che non sono quelli di imbrattare le mura del Comune, proprio adesso che si stanno ultimando i lavori fatti in occasione dei 750 anni della città”, per la sua messa in sicurezza e il restyling dell’edificio.

“Non abbiamo telecamere che inquadrano la facciata – prosegue Gennari – c’è fiducia nell’Arma dei Carabinieri, le indagini vanno avanti”. Il sindaco si augura quindi sia l’ultima volta: “Ieri sera – aggiunge – avevamo appena finito di sistemare la facciata dalle precedenti scritte”.

Il primo cittadino cattolichino riconduce l’episodio al clima che sta vivendo la città in questi giorni, alla vigilia del ballottaggio: “In un momento in cui la città si prepara ad affrontare un momento importante di democrazia – ammette – purtroppo i toni sono stati troppo accesi e vedere fatti di questo tipo è veramente molto brutto”.

Ma menziona anche le proteste di sabato scorso a Roma: “Spero – conclude – le persone tornino a considerare le proprie posizioni in maniera tranquilla e civile”. Anche il collega Domenico Pascuzzi, sindaco di Gabicce Mare, commenta il gesto “inqualificabile e ignobile fatto da vigliacchi e codardi, che nascondono dietro l’anonimato le loro personali frustrazioni”. Diversamente da Cattolica, il Municipio marchigiano è dotato di videosorveglianza. “Con l’aiuto delle telecamere non avremo difficoltà ad individuarvi – manda a dire – e a procedere nelle sedi più opportune”. E ancora: “Questo è quello che succede in questi giorni in tutta Italia – conclude – in un clima di violenza crescente, che andrà fermata in ogni sede, #noncifatepaura”.

(Agenzia DIRE)

Ultimi Articoli

Scroll Up