Home > Ultima ora politica > Muratori, Gianfreda, Pasini e Bellucci: “No primarie, a Rimini il candidato è Jamil”

Muratori, Gianfreda, Pasini e Bellucci: “No primarie, a Rimini il candidato è Jamil”

Il tavolo si è espresso a larga maggioranza per Jamil perché rappresenta la garanzia di una continuità che ha fatto di Rimini una città in grande progressione culturale, urbanistica, turistica e sociale. Una continuità – scrivono i rappresentanti delle liste civiche a sostegno del centrosinistra in consiglio comunale Mirco Muratori, Kristian Gianfreda (nell’immagine in apertura), Luca Pasini e Andrea Bellucci – a cui si abbina la capacità di tenere unita e allargare la più ampia coalizione civica e politica”.

“Manca ancora molto da fare e Jamil è la persona che potrebbe rinnovare questo cambiamento quantomeno perché ne è stato un protagonista, oltre che per caratteristiche personali di visione partecipativa e collegialità, che sono chiare a chiunque l’abbia conosciuto.  Jamil è oggi il candidato che ci dà maggiori possibilità di battere le destre -prosegue la nota dei rappresentanti delle liste civiche – cosa non scontata dopo 6 mesi di laceranti discussioni e polemiche pubbliche. Purtroppo ci sono ancora personaggi che, anche dall’esterno e nonostante in passato abbiano avuto responsabilità politiche nel centrosinistra, stanno tentando in ogni modo di ribaltare un percorso che il buon senso e il cittadino comune non avrebbe alcun dubbio a confermare”.

“Detto questo abbiamo grande rispetto per le proposte portate al tavolo della coalizione dai Verdi (Affronte) e da ER Coraggiosa (Gabrielli). Quel tavolo che nato a febbraio tra critiche e attacchi (comprese denigrazioni personali di ogni genere) oggi sta svolgendo egregiamente il suo compito, tiene unita la coalizione e ha prodotto un manifesto condiviso da pressoché tutte le forze. Vediamo ora quale sintesi riuscirà a fare il PD, il tavolo si è espresso con chiarezza, al di là delle provocazioni e delle interpretazioni strumentali. Se dovessero prolungarsi ancora litigi e contrasti oppure peggio un ritorno alle primarie – concludono Mirco Muratori, Kristian Gianfreda, Luca Pasini e Andrea Bellucci – unanimemente superate da tutto il PD e dal tavolo della coalizione nei mesi e nelle settimane recenti, noi ci riterremo liberi di aprire nuovi scenari per il bene della città”.

Ultimi Articoli

Scroll Up