Home > Ultima ora > Noi Riccionesi: “Dimissioni di Caldari? Richiesta senza senso”

Noi Riccionesi: “Dimissioni di Caldari? Richiesta senza senso”

Noi Riccionesi ribatte immediatamente alle affermazioni di Patto Civico Riccione, riguardo l‘incompatibilità del capolista Stefano Caldari:

Non ci sorprende che, visto la fragilità della sua proposta politica, Patto Civico per Riccione, per trovare un po’ di visibilità sulla stampa, non trovi altro modo che attaccare i suoi avversari politici con tesi e trovate da azzeccagarbugli.

E così, senza avventurarsi troppo nella normativa vigente, chiedono a gran voce le dimissioni di Stefano Caldari da presidente della New Palariccione spa, rivenendo, in questo, elementi di incompatibilità con la sua candidatura alle prossime elezioni comunali, nella Lista Civica Noi Riccionesi. Ritengono, a loro giudizio, che Caldari possa essere in qualche modo avvantaggiato. E, per far fuori Caldari, pretendono di riscrivere la Carta Costituzionale e negare così a Caldari quello che la Costituzione prevede e sancisce nei suoi dettami nell’art.49.

In base al quale tutti i cittadini possono essere eletti purché abbiano i requisiti stabiliti dalla legge. Ma non basta. I coordinatori di Patto Civico con l’avvallo del loro leader politico, vogliono anche riscrivere quelle stesse leggi che stabiliscono i requisiti necessari per essere candidati e sono pronti smantellare anche l’articolo 10 del decreto legislativo 235/2012, laddove recita che “a non poter essere candidati alle elezioni comunali e circoscrizionali…“ sono solo coloro i quali siano stati condannati con sentenza passata in giudicato per uno dei reati indicati al comma 1.

Nella foga politica dell’attacco i coordinatori del Patto Civico, pur avendo l’avvallo del loro leader politico, vorrebbero bruciare i tempi facendo una gran confusione tra incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità. Ambiti come tutti sanno assai tra loro diversi, e diversamente nei tempi e nelle modalità regolati. Ma sono giovani e, grazie ai consigli del loro leader politico, cresceranno.

(nella foto, Stefano Caldari, a destra, con Natale “Nanà” Arcuri)

Scroll Up