Home > Economia > Il nostro territorio, un’analisi per conoscerlo meglio

Il nostro territorio, un’analisi per conoscerlo meglio

Chiamamicitta.it continua nel ricercare le informazioni più interessanti per i nostri lettori. Informazioni, che potremmo definire di base, ma che alla fine contribuiscono ad una fotografia di chi siamo.
Iniziamo da una “carrellata” generale.

numeriprovincia1

Una interessante scheda riassuntiva dei principali indicatori quantitativi

Approfondiamo ora alcuni aspetti. Iniziamo dal bilancio demografico 2015.

bilanciodemogra1

Come si nota abbiamo un saldo naturale (differenza tra nati e deceduti) negativo di 711 unità. Abbiamo un saldo migratorio (differenza tra emigrati ed immigrati) positivo di 1724 unità. Complessivamente vi è un saldo demografico positivo di 709 unità. Del tutto evidente una riduzione della natalità tipica di periodi di preoccupazione economica come stiamo attraversando nel nostro paese.

Guardiamo ora la nostra economia. Iniziamo dalle imprese suddivise per tipologia.

impresepersettore1

Come si può notare i servizi rappresentano il 70% di tutte le imprese. All’interno dei servizi il turismo ed il commercio rappresentano oltre il 50%.

Vediamo come sono suddivise per Comune le nostre imprese.

impresecomune1

Si può notare come alcune aree abbiano una vocazione imprenditoriale abbastanza naturale (Comuni della costa) ma altrettanto interessante le aree delle due vallate: Valmarecchia e Valconca

E quanti occupati vi sono nella nostra provincia?

forlav11

Numeri importanti. 139.000 occupati e 15.000 in cerca di occupazione. Di questi 9.000 sono femmine. Mentre il numero degli occupati è stabile rispetto al 2011 (grazie al recupero del 2015). Chi cerca lavoro è in crescita rispetto il  2011.

E quanti sono gli immigrati occupati nel 2015?

lavoratoristranieri1

Da notare una maggiore presenza femminile che si colloca oltre il 30%.

In questi anni di crisi economica va rilevato anche la situazione della cassa integrazione.

cassaintegra1

Quasi 8 milioni di ore di cassaintegrazione nel 2015. Tante, anche se in riduzione di 1 milione sul 2014. Da notare l’incremento notevole del settore abbigliamento ed una riduzione del settore edilizio.

Concludiamo con un altro dato interessante. Quante auto e moto abbiamo nella nostra provincia?

autoprovinciatot1

Ultimi Articoli

Scroll Up