Home > Ultima ora cronaca > Novafeltria. Carabinieri denunciano due fratelli per furto

Novafeltria. Carabinieri denunciano due fratelli per furto

Ennesima risposta al crimine predatorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Novafeltria che dopo una mirata attività investigativa riescono ad identificare i due responsabili – fratello e sorella rispettivamente di 21 e 26 anni – del furto di materiale di cancelleria all’interno di un negozio, immortalati dalle immagini riprese dall’impianto di videosorveglianza in occasione del furto compiuto all’interno dell’attività commerciale.

A seguito della denuncia contro ignoti sporta dal titolare dell’esercizio, i Carabinieri della Stazione di Novafeltria hanno avviato le indagini ed hanno acquisito le immagini di videosorveglianza dell’esercizio commerciale e così come, tempo prima era avvenuto per un furto in un supermercato, si è rivelata una scelta vincente! Dall’analisi delle immagini, infatti,  i militari hanno identificato con certezza i colpevoli ed hanno bussato alla loro porta con un decreto di perquisizione, richiesto e concesso tempestivamente, dall’Autorità Giudiziaria di Rimini rinvenendo facilmente, al loro domicilio, parte della cancelleria oggetto di furto.

I due ragazzi originari della provincia di Foggia, ma domiciliati da tempo a Novafeltria sono stati, pertanto, denunciati perché ritenuti responsabili, in concorso, del reato di furto aggravato e per uno dei due scatterà con ogni probabilità il “foglio di via” dal Comune di Novafeltria, richiesto a suo carico dalla Stazione Carabinieri che ha proceduto.

Il Comandate della Compagnia CC di Novafeltria, Capitano Silvia Guerrini, sottolinea come “la tempestività delle denunce e la minuziosità dei dettagli forniti da coloro che subiscono reati è condizione essenziale affinché i Carabinieri possano esperire indagini più efficaci e raggiungere risultati, anche in quei furti considerati di “minore entità”: in questo caso il sistema di videosorveglianza ha fatto la differenza ma senza alcuni dettagli forniti dall’esercente, vedere le immagini non sarebbe stato decisivo.”

Scroll Up