Home > Ultima ora politica > Novafeltria, Federazione della Sinistra: “Non lasciamo alla Lega la pianificazione urbanistica”

Novafeltria, Federazione della Sinistra: “Non lasciamo alla Lega la pianificazione urbanistica”

Quest’estate abbiamo letto le dichiarazioni del Sindaco di Novafeltria – scrive in un comunicato Federazione della Sinistra – in merito al proposito del Comune di San Leo di uscire dall’Ente Unione.
Parole condivisibili quando parla “d
i trovare insieme le soluzioni che da un lato garantiscano l’erogazione dei servizi e dall’altro la sostenibilità finanziaria, nella consapevolezza che questo territorio va gestito insieme perché ci aspettano scelte e battaglie strategiche riguardo al PSC, alle Aree Interne, alla gestione dei rifiuti, alla viabilità e alla progettualità, che mirano a rilanciare questo territorio dal punto di vista imprenditoriale, turistico e dei servizi”. 

“Vediamo allora cos’è successo in vallata in questi cinque anni di amministrazione di centrodestra. L’Unione si è ulteriormente sfaldata, i comuni, e lo leggiamo quotidianamente dai giornali e lo vediamo dalle scelte adottate, vanno ciascuno per conto proprio. La prima puntata – prosegue la nota – la vogliamo dedicare all’urbanistica”.

“L’ufficio di pianificazione dell’alta valle, creato nel 2011 per dar vita ad un progetto urbanistico condiviso per i sette comuni, ha fallito.  Nel 2018 i comuni, sollecitati da scadenze inderogabili, hanno finalmente approvato lo strumento urbanistico di pianificazione – PSC – che nel 2019 è stato contestato dalla Provincia con 45 pagine di osservazioni, alla faccia della condivisione fra gli enti! Eppure il tempo per confrontarsi c’era stato, ma fino a quando a governare vi sono forze politiche prive di una visione unitaria del territorio sarà tutto inutile”. 

“Così, nel 2020, i nostri comuni sono stati costretti a revocare il PSC e, quindi per il momento, probabilmente nell’attesa di tempi migliori, torneremo ai piani regolatori degli anni ottanta, rivisitati qua e là con aggiustamenti normativi, che ovviamente comporteranno un nuovo onere per le casse comunali. I fiumi di denaro investiti dalla regione, e non solo, per aiutarci a pianificare unitariamente il nostro futuro sono stati gettati in gran parte al vento… a breve pubblicheremo i dati con il dettaglio dello sperpero di risorse pubbliche! “.

“Ci chiediamo poi quale sia ora il progetto dei sette comuni, gran parte a guida Lega, per adeguarsi alla nuova norma regionale (legge regionale n 24/2017) che porterà all’approvazione del piano di urbanistica generale – PUG –, strumento orientato principalmente a regolare i processi di rigenerazione del territorio urbanizzato esistente.  I sette comuni  intendono mantenere una prospettiva di vallata o preferiscono andare in ordine sparso, continuando ad abbaiare alla luna per far dimenticare la loro incapacità di trovare soluzioni condivise e praticabili?”.

“Vogliamo lasciare ancora in mano al centrodestra – conclude la nota della Federazione della Sinistra di Novafeltria – la pianificazione urbanistica dell’alta valle del Marecchia dopo che ha fallito e dilapidato ingenti somme di denaro pubblico?, il  sindaco di Novafeltria si accorge solo ora dell’importanza strategica del PSC?, forse doveva pensarci prima evitando di delegare persone completamente al di fuori di ogni discussione politica”.

Scroll Up