Home > Ultima ora politica > Oggi Zaki ancora in tribunale, Petitti: “31 mesi dall’arresto, inaccettabile”

Oggi Zaki ancora in tribunale, Petitti: “31 mesi dall’arresto, inaccettabile”

“Non ci abbandona la speranza di poter riabbracciare al più presto Patrick Zaki”: lo auspica la presidente dell’Assemblea regionale dell’Emilia-Romagna, Emma Petitti.

“Oggi – ricorda Petitti – comparirà per l’ennesima volta di fronte ai giudici a Mansura, nella speranza che si interrompa il ciclo di continui rinvii che lo privano della piena libertà. Sullo studente egiziano dell’Università di Bologna, nonostante la scarcerazione, pende ancora l’ingiusta accusa di diffusione di false notizie. E finché non verrà emessa una sentenza definitiva Patrick continuerà a trovarsi in un limbo burocratico che ne limita i movimenti, le attività e gli impedisce di tornare in Italia e terminare i propri studi”.

“E’ una condizione inaccettabile. Sono passati 31 mesi dall’arresto, ma noi, e con lui tutta l’Emilia-Romagna, non molliamo: vogliamo rivederlo a Bologna il prima possibile”, chiede la Presidente.

Ultimi Articoli

Scroll Up