Home > Economia > Ambiente > Parco Eolico nel mare di Rimini, i “no” e i “ni” di Comuni, Provincia e associazioni

Parco Eolico nel mare di Rimini, i “no” e i “ni” di Comuni, Provincia e associazioni

Presentate  alla Capitaneria di Porto e osservazioni al progetto di parco eolico di fronte alla costa riminese. Nelle osservazioni presentate vi sono conferme ed alcune sorprese. Vediamo le più importanti

Comune di Rimini chiede:

  • di allontanare quanto più possibile il campo eolico dalla costa.
  • rivedere la disposizione del campo eolico in una porzione dell’area marina, anche modificandola rispetto alla prima richiesta, che sia meno limitante nei confronti degli spazi marittimi in cui è possibile esercitare l’attività della pesca
  • L’approdo a terra del cavidotto sottomarino nel tratto interessato dall’acqua di balneazione (fascia fino a 300 metri dalla riva) e nel tratto terrestre (sotto alla battigia e comunque fino al punto di congiunzione con la rete urbana), sia ampiamente superiore al minimo previsto (da progetto 1,2 – 2 metri di profondità). Il Comune di Rimini propone anche di spostare l’approdo vicino al rio dell’asse
  • la stazione di conversione 150/380 kV che dovrà essere realizzata sia maggiormente allontanata dagli edifici esistenti presenti in prossimità della centrale elettrica di Terna già esistente in località San Martino in Venti

Le osservazioni integrali del COMUNE DI RIMINI

La Provincia di Rimini ha chiesto 

  • il rispetto dei diritti degli attuali utilizzatori dello spazio marittimo – interessato dal parco;
  • la compatibilità con gli usi attuali e futuri previsti dalle norme europee (Direttiva 2014/89/EU) e della programmazione dello spazio marittimo così come definiti dallo Stato italiano e dalla Regione Emilia – Romagna;
  • l’esclusione di effetti eccessivamente impattanti sull’aspetto paesaggistico, in relazione all’attuale situazione, e in tal senso dovranno essere ricercate tutte le migliori soluzioni tecniche possibili.
  • Sarà certamente decisiva, ai fini del rilascio dell’autorizzazione unica, la valutazione complessiva di impatto ambientale che terrà conto dell’analisi costi benefici, in termini di costruzione di quanto previsto dalla proposta presentata

Le osservazioni integrali della Provincia di Rimini

Stesse richieste della Provincia da parte del Comune di Misano Adriatico

Il senatore Marco Croatti del Movimento 5 Stelle chiede di allontanare il progetto “dalla costa ed eventualmente estendersi o oltre le 12 miglia oppure ‘allargando’ il proprio fronte rispetto alla costa a più distretti marittimi. Questa soluzione potrebbe far convivere l’interesse verso le energie rinnovabili, nell’ottica di una improrogabile transizione energetica del Paese, e le criticità sollevate dal territorio in queste settimane.”

Contrari in modo netto alla realizzazione del parco eolico sono:

  • Ente parco naturale regionale Veneto del delta del PO
  • Associazioni economiche dei pescatori
  • Associazione Basta Plastica in Mare
  • Italia Nostra
  • Coop Bagnini e Federalberghi di Riccione
  • Club Nautico Riccione
  • Comune di Riccione

Il link alla capitaneria di Porto con tutte le osservazioni

Scroll Up