Home > Ultima ora cronaca > Patteggia Gulnara Laktionova, mamma di Katerina, trovata morta in valigia

Patteggia Gulnara Laktionova, mamma di Katerina, trovata morta in valigia

Gulnara Laktionova, la mamma di Katerina Laktionova, trovata morta in una valigia nel porto canale di Rimini questa primavera, ha scelto di patteggiare 1 anno e due mesi di reclusione, con la sospensione della pena, per essersi disfatta dei resti della figlia. La Laktionova, infatti,  era indagata per morte conseguente a maltrattamenti e dispersione di cadavere.

La valigia con il corpo di Katerina era stata trovata il 5 aprile di quest’anno, e una breve indagine aveva ricondotto alla madre della ragazza, che aveva confessato di aver vegliato il cadavere della ragazza per alcuni giorni – dopo la sua morte per una grave forma di anoressia – e averla poi messa in una valigia nel tentativo disperato di riportarla in Russia con sè. Resasi conto dell’impossibilità del piano, avrebbe gettato il cadavere in mare, in un gesto che ancora la Laktiova stessa fatica a spiegare razionalmente.

I resti di Katerina hanno poi trovato un degno riposo grazie ad una cerimonia intima, resa possibile grazie al gruppo alpini di Rimini “Aldo Iorio”, che ha attivato una raccolta fondi per sostenere il costo dei funerali. 

Ultimi Articoli

Scroll Up