Home > Ultima ora politica > Pennabilli. Ritorna la tassa per il trasporto scolastico. Stangata di 189 euro alle famiglie

Pennabilli. Ritorna la tassa per il trasporto scolastico. Stangata di 189 euro alle famiglie

Brutta sorpresa per le famiglie di Pennabilli che usufruiranno del trasporto scolastico. A partire dal prossimo lunedì 16 settembre, dovranno pagare 189 euro ad alunno.

La denuncia arriva dalla Lista Civica “Nella storia, il futuro per il Comune di Pennabilli”

“L’Amministrazione Comunale di Pennabilli ha infatti reintrodotto il pagamento dei trasporti scolastici, scrivono in una nota gli esponenti di minoranza,  per gli alunni che frequentano le scuole del nostro Comune. Questa scelta è una vera e propria stangata che si abbatte soprattutto sulle famiglie delle frazioni del nostro Comune. Vogliamo ricordare che il pagamento del trasporto scolastico era stato abolito nel 2012 dall’Amministrazione Valenti, per venire incontro alle necessità delle famiglie che allora pagavano 90 euro all’anno, quindi la metà di quanto previsto oggi, tenendo appunto in considerazione le difficoltà dei cittadini e anche una “mozione” di abolizione presentata dell’allora Consigliere di Minoranza Mauro Giannini, il quale divenuto Sindaco, non si è limitato a reintrodurre la vecchia tariffa, ma l’ha addirittura raddoppiata.”

Inoltre l’attuale amministrazione comunale pretende il pagamento in una unica soluzione all’inizio dell’anno scolastico, gravando sulle famiglie che già sopportano il costo dei libri e quant’altro occorre per la scuola. Per fortuna si è dato ascolto alle nostre richieste di non far pagare oltre il secondo figlio. Nel programma elettorale dell’Amministrazione Giannini, tra le priorità assolute, aveva messo, la riduzione delle tasse e l’attuazione di nuove politiche sociali. Dopo questa sciagurata scelta, si è capito quanto false e solamente elettorali erano quelle promesse. E non si dica che il bilancio comunale non permetteva altre scelte: si è ridotta la tassa sulle lampade votive del cimitero della risibile cifra di 7 Euro, scegliendo di risolvere problemi di bilancio gravando sulle famiglie con i figli in età scolastica con questa tassa molto onerosa. E questo ci appare scandaloso.

Scroll Up