Home > Ultima ora politica > Petitti: “Investiremo sui giovani, straordinario capitale di entusiasmo e conoscenza”

Petitti: “Investiremo sui giovani, straordinario capitale di entusiasmo e conoscenza”

Sulla scia del discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la capolista del PD riminese alle prossime elezioni regionali, Emma Petitti, esprime le sue volontà di investire ancora di più sui giovani, straordinario capitale di entusiasmo e conoscenza.

“Investire sui giovani, dare loro fiducia anche per evitare l’esodo verso l’estero, dare loro occasioni di lavoro correttamente retribuito. Il messaggio di fine anno del Presidente Sergio Mattarella ci ha ricordato ancora una volta l’importanza delle giovani generazioni, uno straordinario capitale di entusiasmo e conoscenze per il presente e il futuro della nostra comunità”, commenta.

“Vogliamo che trasferirsi all’estero sia un’opportunità in più per i nostri ragazzi e non l’unica possibilità rimasta – continua – . Nell’ambito delle politiche dedicate ai giovani, la Regione Emilia-Romagna ha scelto la strada dell’innovazione, con progetti realizzati in stretto raccordo con i territori. Dal 2014 la disoccupazione in regione è diminuita dal 9 al 4,8 per cento, il migliore risultato in Italia negli ultimi 5 anni. A trarne beneficio soprattutto i nostri ragazzi, che grazie alle opportunità di lavoro create nei più diversi settori, hanno potuto e possono costruirsi un futuro solido nei luoghi in cui sono nati e vivono”.

“Continueremo a seguire questa filosofia anche in futuro, investendo su Rimini e il territorio riminese risorse specifiche – conclude la candidata – . Il Patto per i giovani, siglato tra Regione, sindacati, forze sociali, prevede 60 milioni di euro per il buon lavoro e la formazione. Ulteriori risorse saranno destinate alla scuola, ai contributi per i libri di testo, ad ampliare le opportunità di apprendistato per i ragazzi del nostro territorio, alla cultura e allo sport, rendendoli sempre più accessibili anche ai giovani che provengono da famiglie con fasce di reddito più basse”.

Scroll Up