Home > Ultima ora politica > Petitti (PD): “Più sostegni e taglio costi per ristoranti che non riaprono o non lo faranno più”

Petitti (PD): “Più sostegni e taglio costi per ristoranti che non riaprono o non lo faranno più”

Da lunedì 26 molte attività sono finalmente ripartite, “il che è una notizia positiva per l’economia del nostro territorio e che ci auguriamo sia definitiva e non soltanto una parentesi. La ripresa però non è stata uguale per tutti”, commenta Emma Petitti.

Che precisa: “Penso, ad esempio, ai ristoranti che non hanno potuto riaprire le porte ai clienti perché privi o impossibilitati ad avere spazi esterni, quali terrazze, dehors o giardini, dove al momento è limitato lo svolgimento del servizio di somministrazione. Ovviamente tra chi non ha potuto riaprire c’è rabbia e tanta amarezza a causa di questo limite non marginale”.

Quindi, prosegue, “ritengo che da parte del Governo centrale debba esserci un forte sostegno verso questi ristoranti e locali che continuano a rimanere chiusi. Un aiuto consistente sia per quanto riguarda il rafforzamento dei ristori sia per quanto riguarda l’abbattimento dei costi fissi che gravano sui bilanci. È sacrosanto che chi ancora non è rientrato al lavoro a causa di questioni che non possono essere considerate una colpa, sia supportato il più possibile con misure concrete dallo Stato e dalle istituzioni. Evitare che chiudano altre attività e che intere famiglie si ritrovino disoccupate dev’essere l’obiettivo primario”.

“Un altro punto fondamentale è poi quello di mettere in conto l’azzeramento della tassa di occupazione di suolo pubblico non solo per quest’anno ma anche per gli anni a venire, proprio perché, purtroppo, il calo di fatturato con cui gli imprenditori si sono dovuti scontrare fin dall’inizio della pandemia, si farà sentire anche in futuro”, conclude Petitti.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up