Home > Politica > Piccolo comuni: legge contentino e strade dissestate

Piccolo comuni: legge contentino e strade dissestate

Nei prossimi 10 anni sul territorio riminese non si farà più una fusione fra comuni. Nel 2027 ci si accorgerà del tempo perduto. In questi giorni è stata approvata una “legge contentino” per 5.591 comuni italiani che sono e rimarranno sotto 5.000 abitanti, tantissimi sotto i mille.

Piccolo è bello sì, ma non amministrativamente. Non c’è massa critica sufficiente per creare sviluppo e dare servizi e qualità, non c’è spazio per una strategia e per una programmazione di investimenti. Questo forse sfugge anche al presidente Anci De Caro che afferma che “la dimensione demografica non è un difetto”. Bastava dirlo. Mah!

Lo spopolamento non è evitato col permanere della struttura amministrativa e burocratica composta da 5.591 ragionerie, 5.591 uffici di segreteria, 5.591 uffici tecnici, incapaci di farsi trovare con progetti esecutivi per partecipare ai bandi per acquisire contributi regionali, nazionali ed europei.

Io ho perso risorse non per disattenzione o mancanza di idee, ma per l’impossibilità di progettare e di cofinanziamento, e vi garantisco che non è simpatico. La nuova legge mette a disposizione 100 milioni per “tutela ambientale, beni culturali, mitigazione rischio idrogeologico, salvaguardia e riqualificazione urbana dei centri storici, messa in sicurezza di infrastrutture stradali e istituto scolastici, promozione e sviluppo economico e sociale, insediamento di attività produttive”. In più mette 54 milioni per ciclovie turistiche. Entro tre mesi i comunelli potranno presentare progetti esecutivi per accedere ai finanziamenti.

Eggià! Ebbene, facciamo due conti: 5.591 comuni, 11 milioni di abitanti, 154 milioni di euro, a Gemmano potrebbero arrivare 16.000 euro. Con 16.000 euro quando ho pagato i tecnici per progettare non faccio altro. Un territorio si sviluppa davvero per bacino ottimale ed integrato su area vasta e fra diverse vocazioni.

La massa critica giusta potrebbe essere la Valconca. La Valconca oggi presenta danni solo alle strade provinciali per tre milioni di euro (9 milioni tutta la provincia). I soldi incassati dalla provincia per sistemare strade e scuole vengono girati per legge direttamente come contributo allo Stato. Vogliamo partire da quelli…!?

Dice ma…: e le Unioni? Questo è un altro capitolo che affronteremo.

Riziero Santi

Sindaco di Gemmano

Scroll Up