Home > La puèšia ad Muratori > Quand e’ tira e’ garbéin

A Rémin us stà bèin,/ però s’ u jè e’ garbèin,/ ch’a ciamém garbinaz,/ us stà cumè e’ caz.

L’è un vèint chèld e afóš,/ che e’ fa vnì e’ nèrvóš,/ ut fa manchè e’ fiè,/ sl’ im prèsiòun d sufuchè.

Apèina che t al sèint,/ t vè fóra d sèntimèint,/ ut vèin cla musàgna,/ che pièn pièn lat magna.

E’ garbèin un s’cumbat,/ dòp d un po’ us dà da mat,/ us casca, us šgambarè la,/ sla tèsta in zampanèla.

U s’arvènza ingarbinèd,/ invurnid e mèlandèd,/ da arcòj se cuciarèin,/ l’è un vèint ch’un si tèin.

L’ariva sa dal vampèdi/ ch’al putria còš al pièdi,/ agl’jè bulèinti per da bòn,/ e’ pèr d’ès davènti e’ fón.

Quand ch’e’ säfia iqué,/ e’ dura un pèra ad dé,/ a la fein l’è ènca bon,/ da purtè un šguazaròun.

E garbèin e po fè mèl,/ soratòtt me zarvèl,/ che se ancóra un si savès,/ e’chéld afóš u l’intuntès.

L’è un pèricul non da pòc,/ perché us pò arvanzè sciòc,/ e séndic ma la zitadinènza,/ u jè duvria dì s’un’urdinènza.

Ivano Aurelio Mratori

A Rimini si sta bene,/ però se c’è il garbino,/ che chiamiamo garbinaccio,/ si sta come il cazzo.

È un vento caldo e afoso,/ che fa venire il nervoso,/ti viene a mancare il fiato,/ con l’impressione di soffocare.

Appena lo senti,/ vai fuori di sentimento,/ ti viene quel malessere,/ che pian piano ti mangia.

Il garbino non si combatte,/ dopo un po’ si dà da matto,/ si cade, si barcolla,/ con la testa confusa.

Si rimane ingarbinati,/ invorniti e malandati,/ da raccogliere col cucchiaino,/ e un vento che non si tiene.

Arriva con delle vampate,/ che potrebbero cuocere le biade,/ sono bollenti per davvero,/ sembra di essere davanti al fon.

Quando soffia qui,/ dura un paio di giorni,/ alla fine è anche capace,/ di portare un acquazzone.

Il garbino può far male,/ soprattutto per il cervello,/ che se ancora non lo si sapesse,/ il caldo afoso lo intontisce.

È un pericolo non da poco,/ perché si può rimanere sciocchi,/ il sindaco alla cittàdinanza,/ glielo deve dire con un’ordinanza.

Ultimi Articoli

Scroll Up