Home > Cultura e Spettacoli > Archeologia > Quel messaggio di speranza che ci arriva da Pompei

Quel messaggio di speranza che ci arriva da Pompei

L’hanno chiamato “il regalo di Natale arrivato da Pompei”. La contraddizione fra la ricorrenza cristiana e il mittente pagano è solo apparente: se l’evento commemorato il 25 dicembre è la nascita di Gesù, la data in cui la tradizione l’ha collocato è quella in cui fino al III secolo si celebrava la nascita del dio Sole, a ridosso delle feste dei Saturnalia, in cui i Romani si scambiavano doni chiamati “strenae”.

Niente di strano se proprio in questi giorni Pompei, città diventata sinonimo di catastrofe, invii un regalo a un Occidente che sta affrontando una catastrofe, seppure di altro genere. Regalo indovinato e significativo: un “thermopolium”, cioè, tecnicamente, una tavola calda, situato nella Regio V della città sepolta.

Emerso nel 2019, è stato scavato e studiato anche durante i mesi del lockdown, per poterci offrire nell’ultimo scorcio di questo tremendo 2020 una visione dei suoi affreschi dai colori smaglianti e della sua struttura così pratica e moderna, simile ai self-service degli autogrill.

Mentre tutta l’Italia è in zona rossa, con bar e ristoranti chiusi, l’unico locale aperto è una tavola calda vecchia di venti secoli, nel cui bancone, provvisto di scomparti per le varie pietanze, ci sono ancora avanzi di cibo. Nel locale sono stati rivenuti anche i resti umani degli sventurati che nell’agosto (o più probabilmente ottobre) del 79 vi avevano cercato rifugio dalla pioggia incessante di cenere e lapilli eruttata dal Vesuvio, e forse avevano approfittato dei recipienti ancora pieni, per un ultimo spuntino.

Poche categorie, in questo periodo durissimo, hanno bisogno di incoraggiamento e di speranza più di baristi, ristoratori, gelatai e pasticceri, fiaccati dal lungo confinamento, dalle limitazioni anti-Covid e dalle aperture e chiusure a singhiozzo eruttate dal governo Conte, vulcanico in fatto di decreti.

Tira avanti solo chi si sta sulle piattaforme e serve i clienti a domicilio. In questi giorni di zona rossa le città, compresa la nostra, sembrano delle Pompei moderne, intatte ma silenziose e deserte, sepolte dalla invisibile lava eruttata dalla pandemia.

Ma dalla Pompei antica, dalla tavola calda della Regio V, davanti alla Locanda dei Gladiatori, arriva un messaggio di ottimismo: niente, né il tempo né le sciagure, riuscirà a cancellare dalla nostra civiltà l’arte plurimillenaria dell’ospitalità e della buona cucina.

Il proprietario di quel locale, un ricco liberto dal nome greco, probabilmente aveva investito parecchio nel suo locale. Aveva arruolato i migliori pittori e gli architetti alla moda per realizzare un ambiente elegante e accogliente, e cuochi professionisti per cucinare ogni giorno zuppe e intingoli in grado di reggere la concorrenza con gli altri thermopolia (almeno quindici) attivi a Pompei.

L’eruzione ha seppellito lui, il suo ristorante e tutta la sua clientela. Ma duemila anni dopo possiamo ancora ammirare il suo buon gusto e, grazie alle indagini degli studiosi, sapere perfino cosa proponeva il menu del giorno dell’eruzione.

A Pasqua 2021, assicura la direzione del parco archeologico di Pompei, l’antenato dei nostri fast food sarà riaperto al pubblico, per la prima volta dal quel fatale 79. E insieme a lui, auspicabilmente, risorgerà tutto il mondo della nostra ristorazione, nella sicurezza che ci avranno procurato i vaccini, appena arrivati in Italia.

Lia Celi

Ultimi Articoli

Scroll Up