Home > La puèšia ad Muratori > Radéć, zväla e pumidòr

D’instèda sla calura,
us magna dla gran vèrdura,
la è bòna, frèsca e ligéra,
ènca se la còsta chèra.

Radéć, zväla e pumidòr,
jè prèzius cume l’òr,
e per via dla sicità,
a sò in dificultà.

Mo in mi pò manchè,
a còst d’andèi a rubè,
che sèinza quii ch’ilé,
an sò bòn da magnè.

A faz tót un insalèda,
e a la mèt int una pièda,
ch’la dvèinta un casòun,
e l’è qualcosa ad bòn.

Sa la dàg ma la mi möj,
léa lam diš: mè an la vòj,
daglia pu mi cunèj,
ch’a m’aspèt ad mèj.

Léa sinènt da burdèla,
la à magnè chèrna ad vidèla,
la è vnù via da jòrt d Visèrba,
po capì sla magna l’èrba.

L’è na dona ad cultura,
la rispèta la natura,
e quand la véd i radéć,
ui scapa fóra jèćć.

Mè ai dég, ciò lasa stè,
l’è ròba ch’a magn mè,
zà che té tan ci purtèda,
per magnè un’insalèda.

Ivano Aurelio Muratori

RADICCHI, CIPOLLA E POMODORI

D’estate con la calura,/ si mangia della gran verdura,/ è buona, fresca e leggera,/ anche se costa cara.

Radicchio, cipolla e pomodoro,/ son preziosi come l’oro,/ e per via della siccità,/ sono in difficoltà.

Ma non mi possono mancare,/ a costo di andarli a rubare,/ che senza quelli lì/ non son capace di mangiare.

Faccio tutta un’insalata,/ e la metto in una piada,/ che diventa un cascione,/ ed è qualcosa di buono.

Se la do a mia moglie,/ lei mi dice: io non la voglio,/ dagliela pure ai conigli,/ che mi aspetto di meglio.

Lei fin da bambina,/ ha mangiato carne di vitella,/ è venuta via dagli orti di Viserba,/ figurarsi se mangia l’erba.

È una donna di cultura,/ rispetta la natura,/ e quando vede i radicchi,/ le vengon fuori gli occhi.

Io le dico: dai lascia stare,/ è roba che mangio io,/ già che tu non sei portata,/ per mangiare un’insalata.

Ultimi Articoli

Scroll Up