Home > Ultima ora politica > Regione Emilia Romagna:”Non è una priorità l’aggregazione tra la fiera di Bologna e Rimini”

Regione Emilia Romagna:”Non è una priorità l’aggregazione tra la fiera di Bologna e Rimini”

Prima l’intervista del sindaco di Bologna Virginio Merola che ha rilanciato l’unificazione del polo fieristico bolognese con quello riminese. Successivamente l’intervento del sindaco di Rimini Andrea Gnassi che vuole “verificare le strade comuni per essere tra i leader europei in ambito fieristico è una prospettiva alta e forte, dunque condivisibile”.

A smorzare gli entusiasmi dei due sindaci non vi è solo il fattore tempo (entrambi sono a fine del secondo mandato amministrativo e si vota nel 2021) ma anche la Regione Emilia Romagna che detiene una quota di partecipazione in entrambe le fiere.

L’assessore allo sviluppo economico Vincenzo Colla frena:” C’è una discussione in corso sulle aggregazioni tra fiere, dichiara dalle colle del corriere della Sera edizione di Bologna, che non comprende solo Rimini, ma non è questa la priorità. Quello da fare con urgenza è mettere mano ai conti demoliti dall’emergenza coronavirus”. “La discussione, ha proseguito l’assessore, su un polo fieristico regionale è aperta. Dobbiamo verificare l’operazione dal punto di vista degli investimenti. Stiamo facendo solo valutazione e non c’è stato nessun passaggio formale. Ma prendiamo in considerazione tutto il sistema fieristico regionale”.

Scroll Up