Home > Ultima ora sport > Regione, Nadia Rossi: “Parità di genere e di diritti anche nello sport”

Regione, Nadia Rossi: “Parità di genere e di diritti anche nello sport”

Da tempo la Regione Emilia-Romagna investe risorse economiche, umane e programmatiche nella promozione dello sport quale strumento fondamentale per creare una comunità più coesa, favorire l’integrazione sociale, abbattere barriere culturali, oltre ovviamente a essere indispensabile per il benessere psicofisico della persona e della collettività. Lo sport è volano di valori positivi di una società sana ecco perché è indispensabile garantire un’equità di trattamento e di diritti a tutti i livelli”. A dirlo è la consigliera regionale Nadia Rossi che ha depositato una risoluzione sul professionismo sportivo in Regione Emilia-Romagna.

Viviamo in un sistema in cui, ad oggi, solo quattro sport in Italia sono considerati passibili di professionismo: calcio, golf, basket e ciclismo – spiega Rossi – E in queste quattro discipline possono ambire a trasformare la passione in una professione solo gli atleti maschi. Il successo che i mondiali femminili di calcio ha riscosso nel pubblico italiano ha acceso l’attenzione sull’argomento, con generici impegni da parte del Governo e del CONI ad occuparsi della vicenda. Tuttavia, non è più tempo di impegni abbozzati sull’onda dell’entusiasmo del momento poi abbandonati, ma è giunta l’ora di un provvedimento legislativo che risolva una situazione a tutti gli effetti discriminatoria. Per questo ho impegnato la Giunta regionale a discutere la questione nelle idonee sedi di confronto statale per arrivare in tempi rapidissimi alla definizione di una normativa equa, antidiscriminatoria, efficace nella regolamentazione del professionismo sportivo. Inoltre, ho chiesto di sostenere le atlete emiliano-romagnole: gli investimenti delle realtà regionali devono essere paritari per i settori maschile e femminile. Oltre ad impegnarsi a produrre dati/ricerche/rilevazioni sul fenomeno dello sport femminile in Emila Romagna. Lo sport è da sempre un cavallo di battaglia di questa Regione e mi aspetto anche in questo caso il giusto riconoscimento così come dovrebbe fare il Governo”.

Scroll Up