Home > Ultima ora politica > Rimini, Nadia Rossi, PD: “In provincia 250.000 euro per associazioni, istituzioni culturali ed enti”

Rimini, Nadia Rossi, PD: “In provincia 250.000 euro per associazioni, istituzioni culturali ed enti”

Buone notizie per il territorio riminese. La Regione Emilia-Romagna ha definito le graduatorie di associazioni, comuni e istituzioni che hanno presentato i loro progetti in ambito culturale.

In provincia di Rimini sono nove i soggetti pubblici che ricevono un contributo e otto le associazioni: complessivamente riceveranno 252.000 euro” annuncia la consigliera regionale Pd Nadia Rossi.

I soggetti privati che si sono aggiudicati in totale 51.000 euro di contributo sono la Pro Loco di Verucchio, le associazioni Quattro Quarti di Bellaria, Le città visibili di Rimini, l’opificio della Rosa di Morciano, Arcipelago Ragazzi di Corani, Interno4 di Rimini, l’associazione Michele Pulici di Riccione, e il Palloncino Rosso di Rimini.

Il Comune di Rimini riceve un importante contributo per un’iniziativa dedicata al Rinascimento. Fondi significativi sono anche destinati alla IV edizione del Valmarecchia music festival di Verucchio, alla rete dei teatri della Valmarecchia (comune capofila del progetto Novafeltria) per il progetto Arti per il contemporaneo, arti per il territorio che coinvolge una rete di comuni con capofila Poggio Torriana.

Finanziamenti anche per Cinè, giornate di cinema ed eventi a Riccione, per il Comune di Cattolica per il premio Gran Giallo Mystfest 2019 e infine per quello di Morciano per gli 8 weekend dedicati a musica, letteratura e teatro “Intrecci culturali”.

In questi ultimi anni la Regione Emilia-Romagna ha voluto puntare con forza alla cultura del territorio, incrementando anno dopo anno le risorse destinate ad enti locali, istituzioni e associazioni che realizzano rassegne ed eventi mirati alla promozione della cultura. – commenta il consigliere Nadia Rossi – Quest’ultimo bando assegna ben 3 milioni 195.000 euro a 229 progetti, numeri importanti che stanno a significare quanto vivace sia l’attività culturale in Emilia-Romagna e quanto il governo regionale intenda sostenerla in un’ottica di crescita e sviluppo per tutta la società”.

Scroll Up