Home > Primo piano > Pacco sospetto a casa Bonaccini, sicurezza rafforzata

Pacco sospetto a casa Bonaccini, sicurezza rafforzata

Nel primo pomeriggio di oggi due uomini hanno suonato a casa del Presidente della Regione Stefano Bonaccini, consegnandogli un pacco di cartone con sopra un foglio con su scritto ‘Mittente: O.s.s., bimbi, famiglie, aziende, popolo italiano (rispettoso della Costituzione). , dicendogli, fra le altre cose, che gli ospedali sarebbero vuoti e che si toglie lavoro alle persone. Bonaccini ha immediatamente allertato i Carabinieri, lasciando su loro consiglio il pacco fuori casa.

I militari hanno avuto modo di verificare il contenuto non pericoloso: cartacce e pannolini sporchi. Adottate misure per rafforzare la sicurezza di Bonaccini e della sua famiglia.

Immediata la solidarietà delle forze politiche. Fra i tanto messaggi, quello del ministro della Salute Roberto Speranza, anche lui vittima di minacce, della ministra per il Sud Mara Carfagna, della neo eletta capogruppo dei senatori Pd Debora Serracchiani, di Anna Ascani, sottosegretario allo Sviluppo economico, di Emma Petitti Presidente dell’Assemblea regionale dell’Emilia Romagna, del consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia e della Lega, il cui segretario per la Romagna Jacopo Morrone ha scritto su Facebook: “La totale solidarietà della Lega Romagna al presidente Stefano Bonaccini e alla Sua Famiglia. Non c’e mai alcuna giustificazione per gesti riprovevoli di minaccia, violenze o violazioni del vivere civile”.

Scroll Up