Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Residenza e prova aperta dell’Accademia Bizantina all’Arboreto di Mondaino

Residenza e prova aperta dell’Accademia Bizantina all’Arboreto di Mondaino

L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino torna ad accogliere in residenza artistica dal 18 al 28 novembre l’Accademia Bizantina per le prove e le registrazioni dei 12 Concerti Grossi op.VI di Arcangelo Corelli. L’ensemble è diretto da Ottavio Dantone, mentre Alessandro Tampieri riveste il ruolo di Concertmaster.

Accademia Bizantina si è recentemente classificata prima orchestra in Europa e seconda al mondo ai Gramophone Awards e, insieme al suo direttore Ottavio Dantone, è molto lieta di poter ritornare all’Arboreto per l’incisione dei Concerti Grossi op.VI di Corelli, famoso violinista e compositore romagnolo del ‘700. Dopo il successo dell’incisione Mendelssohn e Schumann della primavera scorsa, la prestigiosa formazione ravennate ha deciso di tornare nella pace e nella quiete del Teatro Dimora l’Arboreto, dove lavorare acquista tutto un altro significato, la natura rigenera le menti e la musica fluisce libera e armoniosa. Questa incisione, fa parte di un progetto molto ampio che prevede lo studio della musica e dei suoi stili, rispettando i codici del tempo, dal barocco fino al classicismo.

Per poter coinvolgere la comunità di Mondaino e tutti gli spettatori che avranno piacere di raggiungere il teatro nel bosco, Accademia Bizantina realizzerà una prova aperta al pubblico sabato 20 novembre alle ore 15. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria entro le ore 13 di venerdì 19 novembre inviando una mail a teatrodimora@arboreto.org nella quale indicare nome, cognome, n° posti, contatto telefonico (l’accesso in teatro è consentito solo a spettatori muniti di Certificazione Verde COVID-19).

Accademia Bizantina (AB) nasce a Ravenna nel 1983. La musica di Accademia parte dall’origine (“AB”), dalle regole del linguaggio stilistico barocco: le indaga senza aggiungere, eliminare o trasformare, affidandosi ai suoni di strumenti antichi.

Questo distintivo metodo interpretativo ha avuto inizio con l’arrivo in AB, nel 1996, del suo direttore Ottavio Dantone, profondo conoscitore dei codici espressivi barocchi.

Il suo sistema, forgiato dall’esperienza e da uno studio filologico costante, ha permesso ad AB di diventare un’orchestra pronta ad accostarsi con consapevole onestà a qualsiasi repertorio. Poter restituire al pubblico l’intenzione autentica del compositore è un valore inestimabile che è valso ad AB riconoscimenti e collaborazioni nazionali e internazionali.

Ogni esecuzione di Accademia Bizantina, che dal 2011 può contare anche sul prestigioso concertmaster Alessandro Tampieri, è un inaspettato viaggio nel tempo, un inimitabile equilibrio tra tecnica, abilità, rigore, cultura interpretativa, intuito e accuratezza stilistica.

Ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti come il Diapason d’Or, Midem, Choc di Classica, Opus Klassik, Grammy Music Award e Gramophone Awards. Particolarmente significative le collaborazioni intraprese con i violinisti Viktoria Mullova e Giuliano Carmignola, il controtenore Andreas Scholl e la contralto Delphine Galou. Nel 2021 si è classificata prima orchestra in Europa e seconda al mondo ai Gramophone Awards.

Maggiori informazioni: www.accademiabizantina.it

Ultimi Articoli

Scroll Up