Home > Politica > Se a Riccione nascono avvoltoi al Mulino del Gufo, qualcosa vorrà dire

Se a Riccione nascono avvoltoi al Mulino del Gufo, qualcosa vorrà dire

Archiviate le elezioni è tempo di bilanci. Riccione piazza per la seconda volta un parlamentare. Con due non piccole differenze: la prima, non è dello schieramento di sinistra; la seconda, non è un esponente di primo piano come la volta precedente.

Che fu nel 1992, quando per il PdS fu eletto  Senatore della Repubblica Terzo Pierani, sindaco della nostra comunità dal 1975 al 1991. Stiamo parlando del Sindaco di Riccione per definizione. Amato ed adorato a tal punto da portare il suo Pci   a prendere nella Perla Verde percentuali di voto che oggi solo  un Vladimir Putin si può permettere.

In questa tornata elettorale è stata eletta Elena Raffaelli, assessore della nostra città in quota Lega. E’ imprenditrice balneare (bagnina) a Rimini. La lobby dei balneari ha sostituto uno dei due relatori della legge, mai approvata,  sulle concessioni demaniali(l’On. Pizzolante) con una operatrice del settore. Il suo impegno sarà quello di non applicare la Bolkenstein alle concessioni demaniali. C’è chi ha già prenotato l’avvocato per fare ricorso ed obbligare a mettere a bando le concessioni demaniali.

Sergio Pizzolante, candidato per il centro sinistra nel collegio uninominale della Camera, non è stato eletto. Al pari di tanti nomi illustri in regione ed in realtà limitrofe, vedi i ministri Franceschini a Ferrara e Minniti a Pesaro. Ma c’è un ma. Pizzolante a Riccione non era una candidatura qualsiasi. E’ stato tra protagonisti dell’ultima tornata elettorale per l’elezione del sindaco La lista che l’ex onorevole Pizzolante ha contribuito a far nascere per la competizione di Riccione, Patto civico, ha conquistato alle elezioni comunali del 11 giugno 2016 ben 2117 voti pari al 12,84%. La lista nazionale del ministro Beatrice Lorenzin, Civica Popolare aveva la stessa caratteristica.

Ebbene alle elezioni politiche Civica Popolare di Beatrice Lorenzin e Sergio Pizzolante ha conquistato 116 (centosedici) voti pari allo 0,58%. C’è chi sostiene, con una qualche dose di cattiveria, che c’era più gente alle cene elettorali organizzate dall’ex onorevole.

Si dirà: ma è andata così in tutta Italia. Certo. Tuttavia è difficile non far notare che il candidato di punta della lista Civica Popolare nella sua città adottiva ha conquistato solo 37 voti (pari allo 0,14%) in più rispetto al comune di Castelfranco Emilia. Pochini.

Altra notizia degna di nota è la nascita di un avvoltoio. Al Mulino del gufo del parco Oltremare di Riccione, è nato poche settimane fa questo piccolo, tenero pulcino, ma appartenente ad una specie che l’umanità ha caricato di significati. Un segno premonitore di ciò che sarebbe successo alle elezioni politiche? I nostri antenati romani, attentissimi osservatori dei volatili in chiave profetica, non avrebbero avuto alcun dubbio.

L’Arciunés 

Scroll Up