Home > Ultima ora economia e lavoro > Riccione, al via rilascio permesso di costruire convenzionato a ‘Metropol srl’

Riccione, al via rilascio permesso di costruire convenzionato a ‘Metropol srl’

La Giunta Comunale ha dato il via libera alla autorizzazione al permesso di costruzione convenzionato e relativa convenzione da rilasciare alla società “Metropol srl”.

In cessione degli standard urbanistici utili all’accorpamento di tre negozi nell’immobile a destinazione mista tra commerciale, residenziale, RTA, uffici e bar, situato all’angolo tra viale Ceccarini e viale Virgilio, la società cederà un terreno di sua proprietà in viale D’Annunzio, zona Marano per la superficie complessiva di 612 mtq.

L’area prospiciente alla ex colonia Reggiana, originariamente destinata all’ingresso della colonia, è considerata di rilevante pubblico interesse perché funzionale al futuro utilizzo dell’immobile e al ripristino dei luoghi fruibili di un bene di pregio storico e testimoniale quale è l’ex colonia. In particolare, con il permesso di costruire rilasciato alla società Metropol srl, che verrà sottoposto al vaglio del Consiglio Comunale, per effetto della nuova Variante 2016 al RUE, in attuazione della Legge Regionale n.20/2000, sussiste la possibilità di sopraelevare di un piano i fabbricati destinandoli ad usi commerciali. Nei mesi scorsi l’immobile collocato tra viale Ceccarini e viale Virgilio, è stato oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia e di ampliamento.

“Lo abbiamo detto e lo stiamo facendoafferma il Sindaco Renata Tosi –dal punto di vista strettamente edilizio abbiamo varato una corposa variante al regolamento edilizio che ora stiamo gestendo per le grandi opportunità che offre agli imprenditori. Abbiamo previsto un forte incentivo allo strumento del permesso convenzionato per permettere di stabilire un piano di lavoro comune tra pubblico e privato con al centro la qualità del progetto urbano della città. Continuiamo così, con determinazione e voglia di fare, ognuno con il proprio ruolo, dove istituzioni e privati possano fare la propria parte come un’unica squadra”.

Scroll Up