Home > Ultima ora cronaca > Riccione. Arrestato romeno che faceva prostituire moglie e sorella

Riccione. Arrestato romeno che faceva prostituire moglie e sorella

Quattro indagati, di cui uno finito in carcere ed una ai domiciliari. Si tratta dell’ultima indagini dei Carabinieri di Riccione contro il racket della prostituzione.

A finire in carcere è Aurelian Cosmin Stefan (difeso dall’avvocato Massimiliano Orrù), 33 anni cittadino romeno che faceva prostituire anche la moglie e la sorella. Per la sorella in realtà si trattava di un aiuto di famiglia  per meglio controllare le “ragazze”. Discorso diverso per la moglie che era una vera e propria costrizione a cui non poteva sottrarsi. La sorella di tre anni più giovane del fratello è finita agli arresti domiciliari.

Per il romeno l’importante era incassare il più possibile, piazzando le prostitute nei posti più redditizi ed usando anche siti on line. Secondo gli inquirenti riusciva a guadagnare fino a 4500 euro al mese.

Hanno l’obbligo di presentarsi in caserma per la firma due italiani complici dei romeni.

Ultimi Articoli

Scroll Up