Home > Ultima ora politica > Riccione, Caldari: “Vogliamo la qualità per l’intrattenimento”

Riccione, Caldari: “Vogliamo la qualità per l’intrattenimento”

“Lo spettacolo di ieri mattina all’alba è uno di quegli eventi che ti aprono il cuore – ha detto l’assessore al Turismo, Stefano Caldari -. Ho sentito commenti entusiasti e credo che Riccione da tempo abbia dimostrato di saper proporre momenti di intrattenimento di qualità per un pubblico e un turismo di qualità. Qualità in ogni genere di intrattenimento, dal concerto all’alba, al locale sulla collina. E’ prodotto e il brand Riccione che funziona e che dobbiamo salvaguardare anche da scelte inadatte, che si ripetono da troppi anni e che portano più problematiche che risorse.

“Questa è la nostra scelta, l’abbiamo fatta oramai dall’inizio della nostra legislatura e continuiamo su questa linea, perché l’alternativa non porterebbe alcun vantaggio alla nostra comunità. Un sentito ringraziamento agli artisti che sul palcoscenico naturale della nostra spiaggia all’alba hanno creato qualcosa di nuovo e irripetibile”.    Al sorgere del sole ieri mattina sulla spiaggia 112, l’evento unico Trascinami con te, performance di voce, danza e suoni, a cura di Maria Laura Palmeri, nota attrice teatrale riccionese, ha creato qualcosa di irripetibile. “E’ un evento unico – spiega Maria Laura Palmeri – perché la natura, il luogo stesso entra nello spettacolo. Se dovessimo rifarlo da un’altra parte in un’altra ora, con un’altra luce, sarebbe tutto diverso”.

Hanno accompagnato la voce recitante di Maria Laura, i musicisti Michele Fabbri e Fabio Mina e i danzatori Erica Meucci e Luciano Lanza. Il testo dello spettacolo scende nelle più recondite profondità del Cantico dei Cantici, uno dei testi più lirici e intensi, contenuto nella Bibbia ebraica e cristiana, attribuito a Re Salomone, in cui l’amore viene raccontato in tutte le sue sfumature. La bellezza del Cantico è accompagnata dai versi di Pablo Neruda, sapientemente scelti e armonizzati dalla voce intima e intensa di Maria Laura. “L’associazione tra Neruda e il Cantico dei   Cantici è stata suggerita da padre Francesco Brasa, padre guardiano del Santuario della Verna – spiega l’attrice allieva di Ronconi -. Volevamo raccontare la potenza dell’amore, l’abbandono all’amore come se fosse un’incoscienza, un affidarsi e quindi anche un’invocazione Trascinami con te. Se dovessi descrivere il mio teatro in due parole sarebbero: necessità e parola”.

Laura Palmeri è nata a Riccione.

Nel 2014 si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, nell’ultima  classe allieva di Luca Ronconi. Debutta nel 2014 al fianco di Elisabetta Pozzi in Giovanna D’Arco. Fonda e organizza per tre anni consecutivi il Piccolo Festival Teatrale. É Irina in Tre Sorelle al TPE di Torino e poi al Piccolo  Teatro di Milano e Giulietta in Romeo e Giulietta, spettacolo che ha debuttato al LAC di Lugano nel 2017. Nel 2016 collabora con il pianista Alexander  Romanovsky. Dal 2016 collabora con il Teatro Due di Parma, dove recita in  numerosi spettacoli tra i quali Nadia, progetto europeo, Molto rumore per  nulla e Girotondo Kabarett, entrambi con regia di Walter Le Moli. Nel 2018 recita in Uomini e No, regia di Carmelo Rifici, al Piccolo Teatro di Milano

Scroll Up