Home > Ultima ora politica > Riccione, il progetto “Borgo Antico” sostenuto dall’Emilia Romagna

Riccione, il progetto “Borgo Antico” sostenuto dall’Emilia Romagna

Il progetto che riqualificherà l’area del Borgo Antico di Riccione Paese come un centro commerciale naturale all’aperto ha ricevuto il sostegno economico della Regione Emilia Romagna. Il progetto di promozione e marketing, rappresenta la fase uno del cammino intrapreso dal Borgo antico di Riccione Paese con un costo di 80 mila euro coperti al 70% dallo stanziamento della Regione.

Nei dettagli si tratta di uno dei progetti finanziati da Viale Aldo Moro. I contributi, destinati ai Comuni con meno di 50.000 abitanti sono stati approvati con delibera della Giunta e complessivamente ammontano a 4 milioni euro, di cui 1 milione destinato ai progetti di promozione – marketing del territorio e attivazione di centri commerciali naturali (Azione 1 del bando) e 3 milioni per azioni di valorizzazione e riqualificazione di aree commerciali e mercatali (Azione 2).

Un passo importante nella direzione dello sviluppo e del recupero della tradizione del cuore antico di Riccione – ha spiegato l’assessore alle Attività Economiche – che valorizzerà le nostre botteghe storiche, la nostra tradizione mettendola in rete con una campagna unica di promozione sotto un’unica immagine coordinata e quindi riconoscibile. Abbiamo immaginato percorsi fatti di sapori e di colori, fatti di prodotti unici e di qualità certificata. Il progetto che ha avuto il riconoscimento economico della Regione tende quindi al recupero del ruolo dell’asse portante dello sviluppo urbano e sociale produce lo strutturarsi di un centro commerciale naturale con sue dinamiche ed una sua immagine.

Commercio di vicinato, mobilità sostenibile, la strada come luogo generatore di socialità, attrattiva turistica orientata a modelli innovativi (i cammini sulle antiche vie), messaggi urbani e di promozione coordinati e confluenti saranno gli attori principali del progetto che avrà come partner del Comune di Riccione il  comitato a to di Riccione Paese, Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato. Insomma si tratterà di avere il perno dell’iniziativa  sull’Amministrazione Comunale, ma sempre in stretta partnership con i comitati d’area, in particolare il Comitato di Riccione Paese e le più rappresentative associazioni di categoria. E’ una nuova importante opportunità di crescita in fatto di offerta commerciale, di esperienza per i cittadini residenti e turisti, e di produzione di ricchezza diffusa per la città”.

Ultimi Articoli

Scroll Up