Home > Ultima ora economia e turismo > Riccione intrattenimento: “Il mondo della sera cresce e può lavorare solo con regole certe”

Riccione intrattenimento: “Il mondo della sera cresce e può lavorare solo con regole certe”

Il mondo dell’intrattenimento, quello serale in particolare, cresce e può lavorare se organizzato con regole certe. 

Dopo i due weekend di rodaggio, durante i quali abbiamo lavorato seguendo i contenuti dell’ordinanza del sindaco Renata Tosi, su distanziamenti, vendita per uso domestico, vendita da asporto e consumo immediato di bevande alcoliche vietata dopo le 19 se non al tavolo, ora tocca a noi”.

Lo dice Mauro Bianchi, responsabile del Samsara e capofila del gruppo Riccione intrattenimento, di recente costituzione che già raccoglie i principali locali, dai bar in spiaggia alle discoteche, della “Perla Verde”.

Con l’ordinanza sindacale in vigore è andato tutto e bene. E bene ha fatto l’amministrazione ad iniziare con una certa rigidità per poi arrivare con gradualità alla revoca totale“. “Così facendo – continua Bianchi – abbiamo avuto il tempo di organizzarci, di capire e fare nostre le norme che dovremo seguire almeno fino alla fine di luglio. Da parte nostra, l’obiettivo dell’ordinanza è parso subito chiaro: sollevare i gestori, almeno nelle prime fasi dell’apertura delle attività, da responsabilità gravose.

Un esempio pratico: se vi fosse stato un capannello di gente, nei pressi di un locale, poniamo alle 20, e il locale in questione aveva appunto fermato la vendita di alcolici da asporto alle 19, di quell’assembramento non ne sarebbe stato direttamente responsabile, ma soprattutto non se ne sarebbe creata l’occasione. 

Da lunedì le cose cambiano, la vendita degli alcolici sarà però possibile come da vademecum regionale solo seduti al tavolo.

Per l’asporto resta il divieto quindi di consumazione all’interno o nei pressi dell’esercizio laddove non vi siano apposite sedute.

A questo punto saremo noi a dover organizzare al meglio i servizi, tenendo presente che il distanziamento sociale rimane un obbligo da rispettare e i gestori ne sono responsabili.

Dall’amministrazione di Riccione e dal sindaco Tosi abbiamo comunque incassato la disponibilità ad affiancarci nel percorso e siamo sicuri che saremo in grado di ricambiare la fiducia“.

Fanno parte del Club di prodotto Riccione Intrattenimento:

Baia imperiale, Brillo, Byblos, Caffè del porto, Chalet del mar, Cocorico, Indaco Loca, Musica, Opera’, Premium Job Primadonna Lounge, Samsara, Settima Piano, Studio 5.4, The box, Vicolo, White Events.

Scroll Up