Home > Ultima ora Attualità > Riccione: nelle mense scolastiche qualità e bio

Riccione: nelle mense scolastiche qualità e bio

Oltre 5.550 pasti preparati settimanalmente in 2 centri cottura per 10 scuole (2 asili nido, 2 scuole d’infanzia e 6 scuole primarie) e 90 diete speciali (per patologie e allergie o per motivi etico – religiosi). È tempo di bilanci per la ristorazione scolastica nel Comune di Riccione. Una responsabilità che l’Amministrazione Comunale porta avanti con Gemeaz Elior, l’azienda che si occupa dei pasti nelle scuole della cittadina, dallo scorso settembre.

Nei menù studiati dalla dietista del Comune di Riccione e poi approvati dall’Asl vengono utilizzati circa 870 kg di frutta e circa 500 kg di verdura nella preparazione settimanale dei piatti. Si prediligono i prodotti di origine biologica per diverse categorie di alimenti come tutti i vegetali, uova, formaggi e latticini, olio evo, biscotti, crackers, pasta, pane, riso, cereali e legumi.

Un impegno che non finisce nella sola preparazione dei pasti, ma continua nella formazione didattica dei bambini che vengono coinvolti in progetti e laboratori dedicati ai corretti stili di vita, in particolare per quanto riguarda la nutrizione. 

Nell’anno scolastico 2018/2019 la dietista Sara Poggioli ha condotto 2 eventi dedicati all’educazione alimentare: il laboratorio teorico e pratico “Scopri la merenda tesoro”, che ha spiegato come riconoscere una merenda sana e nutriente, e il progetto “Erbe Officinali” per scoprire le funzioni e le proprietà delle erbe più diffuse nelle dispense di casa. 

115 mamme hanno inoltre scelto di partecipare al corso di cucina denominato “Polpette e Crocchette” organizzato dall’assessorato ai servizi educativi del Comune di Riccione. Il progetto svolto all’insegna della buona cucina era rivolto ai genitori dei bambini delle scuole dell’infanzia e dei nidi comunali era a frequenza settimanale con la presenza di 4 cuoche, di cui 2 delle scuole dell’infanzia comunali e 2 della Gemeaz.

Le 21 persone coinvolte nel servizio di ristorazione sono costantemente formate sulla sicurezza, sulla qualità delle procedure di lavoro e sulla conformità dei prodotti. Il coordinatore del servizio Gemeaz e la dietista svolgono mensilmente i controlli per verificare sia il livello di gradimento, sia il rispetto delle corrette procedure. Infine, nel corso dei programmi di controllo, sono stati svolti campionature sui cibi cotti e sull’acqua e tamponi per verificare lo stato di pulizia di superfici e attrezzature. 

 

Per l’assessore ai servizi educativi Alessandra BattarraPartendo dal presupposto che crediamo fermamente all’importanza di educare fin dall’infanzia all’adozione di abitudini alimentari corrette per la promozione della salute, ogni merenda consiste ad esempio in frutta fresca tutti i giorni, la qualità del cibo e il rapporto fiduciario instaurato con il personale e le famiglie che usufruiscono del servizio mensa nelle strutture comunali rappresentano un obiettivo primario. Durante l’anno abbiamo inoltre favorito nuovi progetti, che hanno visto una grande partecipazione delle mamme e che pensiamo di riproporre  il prossimo anno. Ricordo anche che nelle scuole comunali la cura della tavola è scrupolosa con l’utilizzo esclusivo di stoviglie di ceramica, tovaglie in tessuto e posate di metallo, senza la presenza di plastica o materiale usa e getta. Un ottimo riscontro abbiamo avuto inoltre dalla attivazione nelle scuole primarie della disdetta del servizio mensa con SMS. Per i genitori che hanno avuto la possibilità di disdire la mensa uno o più giorni consecutivi nei casi di malattia del figlio o di altro motivo di natura personale, la nuova modalità è stata agile, veloce e precisa”.

 

Tutte le iniziative rientrano nel progetto multidisciplinare per le scuole di Elior. Le attività sono realizzate con la collaborazione del responsabile Elior Aldo Parisi, della dietista Laura Castellani e del coordinatore del servizio Sara Giulianelli, guidate da Claudia Saroni, Responsabile dell’educazione alimentare del Gruppo, impegnati mensilmente in un tavolo tecnico di confronto con la dietista dott.ssa Serafina Calesini e la dott.ssa Leila Brunetti al fine di ricercare soluzioni, suggerimenti e iniziative per migliorare continuamente il servizio di ristorazione offerto.

Scroll Up