Home > Ultima ora Attualità > Riccione: protezione per i piccoli del fratino  sulla spiaggia del Marano

Riccione: protezione per i piccoli del fratino  sulla spiaggia del Marano

Da qualche tempo il fratino, una specie di uccelli molto rara e a forte rischio d’estinzione, ha scelto le nostre spiagge per nidificare. Il Comune di Riccione, grazie anche alla sollecitazione del WWF e all’interessamento di ASOER, Associazione Ornitologica Emilia-Romagna, ha provveduto in primavera a proteggere l’area di nidificazione, sulla spiaggia del Marano, con recinzioni e segnaletica ad hoc, precauzioni che hanno consentito ai piccoli di nascere sulla sabbia, particolarità di questa specie. 

Il fratino nidifica sulle spiagge – spiega l’assessore all’ambiente Lea Ermeti ed è un fatto assolutamente eccezionale che abbia scelto quelle della riviera, in quanto non si tratta di aree isolate ma al contrario molto frequentate. Questa singolarità e le caratteristiche della specie ci hanno subito indotto ad adottare ogni accorgimento per proteggere un evento così raro che è oltretutto indice del buono stato di salute di un ambiente marino”.

I fratini, piccoli uccelli trampolieri, sono una specie tutelata dalla Comunità Europea, sulla lista rossa di quelle in via d’estinzione, e sono solo circa 1.500 le coppie di questi volatili presenti in Italia.

In questi giorni, sulla spiaggia e tra le dune, sono nati i piccoli e, per proteggerli dai pericoli, rappresentati soprattutto dai cani in libertà, il Servizio Ambiente comunale ha provveduto ad appoggiare sulla sabbia alcuni bancali, così che le nidiate possano rifugiarsi e sopravvivere. Una volta che i piccoli abbandoneranno la costa, tra qualche settimana, i bancali saranno rimossi.

Il WWF sorveglia la situazione – aggiunge Antonio Cianciosi del direttivo provinciale, insieme ai volontari di ASOER: siamo di fronte a situazioni insolite e straordinarie che possono verificarsi anche grazie all’attenzione dell’amministrazione comunale, dei bagnini e del buon senso delle persone, per cui queste aree tutelate possono incentivare la procreazione dei piccoli animali”.

Scroll Up