Home > Ultima ora sport > Polisportiva Riccione ribatte a Comune “Non ha mai chiesto informazioni, dirlo è offensivo e mistificatorio”

Polisportiva Riccione ribatte a Comune “Non ha mai chiesto informazioni, dirlo è offensivo e mistificatorio”

Giuseppe Solfrini, presidente ASD Polisportiva Comunale Riccione ha ribattuto alle dichiarazioni dell’amministrazione Comunale “Non hanno nessun fondamento, né presupposto oggettivo. È il classico tentativo di “aggrapparsi agli specchi” fornendo informazioni prive di ogni fondamento”.

In una nota il Comune di Riccione aveva spiegato che “la piscina comunale di è un bene prezioso su cui non si scherza e lo Stadio del nuoto è della città su cui i riccionesi hanno investito tanto e dunque la sua salvaguardia è la priorità dell’amministrazione. L’amministrazione comunale di Riccione però non intende entrare nelle controversie di una società privata qual è la Polisportiva, ASD società sportiva dilettantistica, a tutti gli effetti una società privata”.

“A tal proposito, si specifica quindi che l’amministrazione comunale ha dovuto provvedere ad accantonare e congelare l’ultima rata del contributo, comunque riconosciuto a favore della Polisportiva, fintanto non saranno chiariti alcuni aspetti del bilancio della stessa”.

A queste frasi Solfrini ha risposto che  “Innanzitutto ribadisco che mai, mai, l’amministrazione comunale nel corso della mia lunga presidenza ha richiesto informazioni o chiarimenti circa i bilanci e la gestione della Polisportiva, né tantomeno ha fatto rilievi ai documenti contabili inviati in occasione delle relazioni semestrali prodotte; documenti redatti e controllati dall’ufficio amministrativo della società. I bilanci sono sempre stati sottoposti al vaglio del Consiglio Direttivo e all’approvazione dell’Assemblea. Considero pertanto offensivo e mistificatorio affermare che a una richiesta di chiarimento non sia mai stato risposto. Invito a produrre la documentazione probante di tali richieste che ribadisco non sono mai state avanzate. Ritengo pertanto che tutte le motivazioni con le quali tenta di giustificare il mancato rispetto dei termini contrattuali siano un ulteriore mezzo per coprire le inadempienze”.

Scroll Up