Home > Ultima ora economia > Riccione. I supermercati Angelini sono stati dichiarati falliti dal Tribunale di Rimini

Riccione. I supermercati Angelini sono stati dichiarati falliti dal Tribunale di Rimini

I cartelli erano comparsi a sorpresa la mattina del 7 gennaio nei due supermercati Angelini di Riccione. Sulla pagina Fb l’annuncio era del 6 gennaio. Tutto scontato al 50% per rinnovo locali. Tutto vero, con la precisazione che i rinomati negozi alimentari Angelini chiudono. Il rinnovo locali sarà fatto da altri imprenditori che rileveranno le attività. Dietro questa scelta, era stato detto, non vi erano ragioni economiche ma anagrafiche. Frangiotto Angelini ha 82 anni ed ha deciso dopo decenni di attività di meritarsi la pensione.

Ora a distanza di qualche mese si scopre un’altra verità dietro la chiusura dei noti supermercati Angelini. Sono stati dichiarati falliti. La sentenza è del Tribunale di Rimini del 18 aprile che ha affidato al commercialista Ugo Morganti il ruolo di curatore fallimentare.

Nessuno si aspettava quella chiusura così veloce. Gli stessi dipendenti hanno saputo la notizie poche ore prima dell’inizio dell’offerta al 50% e della chiusura. Si trattava di circa 40 addetti alcuni dei quali da quaranta anni di lavoro con Angelini. Solo alcuni di loro hanno trovato lavoro in altri negozi di alimentari della zona. Tutti gli altri sono in disoccupazione

Il primo negozio di alimentari degli Angelini risale al 1937.

Sono Adamo Angelini ed Olga i pionieri della famiglia che poi legò il suo nome a Riccione e al mondo della distribuzione alimentare. Nel 1937 i signori Rebecchi di Modena lasciarono l’attività del negozio di burro e formaggi, situato all’inizio di Viale Dante nella proprietà dei signori Cicchetti. Adamo detto “Damein” con coraggio ed intuizione si presentò dal Cavalier Vittorio Cicchetti, artista dei parchi, e lo convinse a farsi dare il negozio dei Rebecchi. Era il primo passo della famiglia Angelini nel settore dell’alimentazione.

Ora l’epilogo con la sentenza del tribunale.

Scroll Up