Home > Ultima ora cronaca > Riccione, tornano le baby gang: gruppo di ragazzini aggrediti da coetanei mascherati

Riccione, tornano le baby gang: gruppo di ragazzini aggrediti da coetanei mascherati

Con l’avvio della bella stagione si torna a parlare del problema delle baby gang a Riccione. Stando al racconto di una signora che ha raccolto la testimonianza del nipote, un gruppo di ragazzini nella serata di sabato sarebbe stata aggredita da una banda composta da una trentina di coetanei tra piazzale Roma e la spiaggia antistante. I giovanissimi avrebbero agito con il volto coperto da un passamontagna anche se alcuni di loro avrebbero indossato una maschera con le fattezze di un clown.

L’episodio è stato denunciato in caserma ai Carabinieri di Riccione, ai ragazzini, malmenati sarebbero state portate via alcune banconote e una catenina.

Mio nipote con alcuni suoi amici tra i 14 e i 16 anni decidono di farsi un giro a Riccione – ha scritto la madre in un post pubblicato su Facebook – si fermano a parlare tra loro sulle panchine vicino alla fontana di piazzale Roma. Vengono avvicinati da un ragazzo di colore che gli chiede dei soldi. Loro gli dicono di non averne ma uno di loro pensando di mandarlo via velocemente apre il portafoglio per dargli degli spicci. Da qui il delirio, escono fuori in circa una trentina per derubarli. Alcuni dei ragazzi riescono a scappare, altri si difendono come possono ma in 2 hanno la peggio, li hanno menati e gli hanno strappato i vestiti, oggi verranno fatte le denunce. Tutto questo per dire che in uno dei primi sabati di inizio stagione, dove inizia a esserci un po’ di movimento, un piazzale Roma non dovrebbe essere controllato? Forse non c’è soluzione, ma un palliativo per tamponare un po’ esiste. È più di un anno che lo diciamo, ma niente, nessuno si impegna a mettere in sicurezza i nostri ragazzi, quelli bravi, e la città di Riccione. Nessuna critica, solo un ipotetico consiglio per poter risolvere, almeno in parte, il problema. Non si può pubblicizzare Riccione come città di turismo d’elite quando quello che si presenta solo a fine maggio è la paura di essere aggrediti per poi rimanere in mutande, se va bene“.

Anche una mamma ha riportato l’accaduto. “Mio figlio è tra quelli che ha avuto la peggio e per salvarsi è stato costretto a scappare e trovare rifugio in un bar. E’ una vergogna che un luogo come piazzale Roma, sempre al centro della movida, non sia costantemente presidiato dalle forze dell’ordine soprattutto in un momento come questo dove imperversano le baby gang. L’aggressione, poi, è successa alle 23, un orario in cui ancora c’è molta gente in giro. Per fortuna mio figlio, a parte qualche leggera escoriazione, non ha avuto nulla di rotto da dover ricorrere alle cure del pronto soccorso ma poteva andare molto peggio. Adesso mio figlio è sconvolto da quanto gli è accaduto e ha il terrore di uscire anche insieme agli amici”.

Ultimi Articoli

Scroll Up