Home > Ultima ora politica > Riccione, Tosi: “Pale eoliche in mare, la Regione ignora i sindaci riminesi”

Riccione, Tosi: “Pale eoliche in mare, la Regione ignora i sindaci riminesi”

Sulle pale eoliche nel nostro mare, i sindaci della provincia di Rimini hanno il diritto di esprimere direttamente il proprio parere alla commissione regionale“. Lo sostiene il sindaco di Riccione, Renata Tosi che ha inviato una lettera al presidente della Provincia e per conoscenza a tutti i sindaci del Riminese. Il prossimo 3 novembre, infatti, è stata convocata una commissione sul parco eolico con l’audizione dei Comuni della costa interessati dal progetto e l’amministratore delegato della società Energia Wind 2020 srl. “Stando a quanto abbiamo appreso – continua il sindaco di Riccione – la presidenza dell’assemblea regionale, ritenendo in questo momento di non poter invitare in presenza tutti i sindaci riminesi li ha sostituiti con la sola presenza del presidente della provincia, convocato per l’audizione in commissione regionale il prossimo 3 novembre. Insomma le regole anti Covid, usate per tenere fuori dalla porta i sindaci. Ma a questo punto mi chiedo perché non fare una conference call, come vengono raccomandate dai protocolli sanitari, mettendo in collegamento i sindaci riminesi, che sono i principali portatori di interesse, e poi il presidente della provincia? Chiedo che venga convocata d’urgenza una conferenza dei sindaci per mettere al voto un documento condiviso e firmato da tutti. Tale documento dovrà quindi essere letto dal presidente della provincia in Regione al momento dell’audizione. Questo è il modo più corretto di procedere, vista l’opinione, espressa pubblicamente dal presidente Santi che è assolutamente non condivisa, ma estremamente lontana da quella dei sindaci della provincia, compreso il sindaco del capoluogo riminese. L’esclusione dei sindaci, ripeto i soli portatori di interesse delle comunità di cittadini, da questa importante audizione in Regione è una grave imposizione. Riccione farà di tutto per proteggere il nostro mare, il nostro orizzonte e la nostra economia turistica“.

Scroll Up