Home > Cronaca > Riccione. 17enne annega in mare, salvati 3 ragazzi. Erano in vacanza a Rimini

Riccione. 17enne annega in mare, salvati 3 ragazzi. Erano in vacanza a Rimini

Tragedia in mare questa mattina a Riccione. Una ragazza di 17 anni residente a Torino e originaria del Brasile è morta annegata intorno alle 6.30 all’altezza del bagno 122, a 100 metri dalla riva. Era scesa in acqua per fare il bagno con gli amici, tutti arrivati dal capoluogo piemontese per una vacanza in Riviera. Il corpo è stato rinvenuto a 500 metri dalla riva e poi trasportato dalla motovedetta di soccorso fino al Porto di Rimini.

I tre giovani – 1 ragazza e due ragazzi – sono riusciti a salvarsi. La ragazza è ora sotto osservazione all’Ospedale Ceccarini di Riccione in forte stato di shock, mentre gli altri due sono invece in caserma, sentiti dai Carabinieri che stanno cercando di chiarire le dinamiche dei fatti, anche se nelle prossime ore il caso passerà alla Capitaneria di porto.

Per cause in corso di accertamento, infatti, la ragazza ha iniziato ad annaspare. Nunes De Oliveira Merrsia, questo il suo nome, non sapeva nuotare. E a quell’ora il servizio di salvamento non era attivo e il mare era particolarmente mosso.

Il cadavere della giovane, che stando a quanto si apprende sarebbe andata in panico lasciandosi trasportare dalla corrente,  è stato rinvenuto dopo due ore di ricerche, intorno alle 8 del mattino, prima di essere traslato in porto a Rimini. La madre è arrivata in Riviera da Torino.Per il momento non è ancora stata disposta l’autopsia.

I ragazzi erano arrivati da qualche giorno in Riviera e soggiornavano a Rimini in un appartamento preso in affitto per l’occasione. Ai militari hanno raccontato di non aver assunto sostanze stupefacenti o alcool ma solo di aver deciso di trascorrere all’insegna del divertimento la serata e la nottata tra Rimini e Riccione.

Poco dopo l’alba stavano passeggiando nella zona del bagno 112 di Riccione, poi un’onda li avrebbe bagnati e loro avrebbero colto la palla al balzo per tuffarsi. Forse non avevano fatto i conti con la furia del mare dopo le ultime ore di maltempo.

 

Scroll Up